Scuola tra TFA e concorsi

maturità

Quando partiranno i corsi per i nuovi TFA?
Bella domanda!

La parola d’ordine di questi giorni è: caos. Già, perché, se da un lato il ministro Profumo mostra di avere per davvero a cuore il destino di molti laureati, siss-congelati e simili, dall’altro c’è il dovere di far quadrare tutte queste cose in uno sterile bilancio.
Nella giornata di ieri infatti, mentre da un lato il ministro Profumo prometteva un rapido avvio dei TFA, dall’altro, in Senato, veniva bocciato l’emendamento che permetteva finalmente lo sblocco dei corsi di tirocinio, bocciatura dovuta con molta probabilità ad un ammanco di moneta sonante.

Un altro tasto dolente della giornata di ieri è stato quello del concorso. Come prima cosa contare le effettive disponibilità per le immissioni in ruolo (sia di posti che monetarie); in secondo luogo il problema quasi centomila persone che ormai da anni lavorano nella scuola da precari, facendo su e giù per il Paese come degli yo-yo.

Insomma c’è tanto su cui meditare; resta però che la crisi ed i tagli effettuati sulla scuola non lasciano spazio a molta fantasia.