Abilitazione all'insegnamento

banchi

Come conseguire l’abilitazione all’insegnamento?

Dopo che le SISS sono state messe al bando il dilemma per molti laureati vocati alla professione docente è stato uno solo: conseguire l’abilitazione all’insegnamento! Tuttavia dall’ultimo ciclo SISS sono passati diversi anni senza che si sapesse nulla. A quanto pare, comunque, il MIUR sembra deciso a far partire dei nuovi percorsi abilitanti già dal prossimo anno accademico (2011 – 2012), sebbene manchino ancora regolamenti, requisiti di ammissione e quant’altro. Insomma, l’unica cosa certa è che i corsi saranno a carico dei “destinatari”!

Ad ogni modo alcune Università si stanno già attrezzando per attivare i seguenti percorsi:
1. corsi di Laurea Magistrale (per l’insegnamento nelle sole scuole secondario di primo grado);
2. Tirocinio Formativo Attivo, per tutti i gradi di scuola secondaria, ai quali si accede con le lauree previste nell’allegato A del D.M. 22/2005 e dopo un esame di ammissione.

Per quanto riguarda il TFA, bisogna tenere in mente che, a differenza dagli anni precedenti, dall’entrata in vigore della legge 249/2010 (e cioè dal 15 febbraio 2011) non è più possibile acquisire crediti con esami aggiuntivi (cioè post lauream); per farla breve, gli esami fatti dopo la laurea costituiscono crediti aggiuntivi solo se fatti prima del 15 febbraio 2011.

Il test di ammissione si dividerebbe in due prove: una scritta (test a risposta chiusa) che deve essere superata con un voto almeno pari a 42/60; l’altra, orale, da superare con un voto maggiore o uguale a 15/20. A queste due prove va aggiunto un punteggio relativo ai titoli (voto di laurea, pubblicazioni, certificazioni). Come la vecchia SISS, il Tirocinio Formativo Attivo prevederebbe corsi di psicologia, pedagogia e simili, un tirocinio (suddiviso in fase osservativa e fase attiva) tenuto con un professore di scuola superiore (primaria o secondaria a seconda della classe di concorso scelta), corsi di didattica specifici per la materia che si andrà ad insegnare. Il tutto si concluderebbe con una relazione finale ed un esame, da superare con un minimo di 50/70.

In ultimo, pare che coloro che in tempi passati abbiano “congelato” la SISS ci siano dei canali preferenziali di accesso al TFA in quanto, in effetti, hanno già superato al loro tempo l’esame di ammissione.

Immagine via flickr.com