Matthew Manning sul fenomeno poltergeist

matthew-manningMatthew Manning diventato famoso per i suoi particolari poteri sensitivi è oggi conosciuto anche per il suo aspetto un po’ insolito, grazie al suo codino e ai pesanti gioielli d’oro che rappresentano un accessorio per lui fondamentale.

Aveva solo 11 anni quando si verificò il primo fenomeno durante il quale mobili e oggetti si muovevano in maniera inspiegabile e dal nulla apparivano altri oggetti.

In modo scherzoso Matthew racconta come un giorno due pagnotte si sono materializzate e una di queste i genitori la conservano ancora nel freezer. La cosa strana è che, analizzato in laboratorio, è stato scoperto che quel pezzo di pane era stato sfornato tra il 1840 e il 1914.

Questa sua esperienza, specie durante i primi anni, gli creò non pochi problemi, come ad esempio la decisione del preside della scuola che voleva sospenderlo perché stanco di quegli accadimenti.

Matthew Manning è stato sottoposto a diverse ricerche scientifiche e a numerosi test come elettroencefalogrammi per misurare le onde cerebrali, elettrocardiogrammi per verificare i battiti cardiaci ed è stato addirittura messo nelle gabbie di Faraday che sono delle apparecchiature usate per verificare le onde elettromagnetiche e ciò al fine di misurare l’elettricità prodotta da Manning.

I risultati si mostrarono sorprendenti in quanto furono riscontrati modelli di onde cerebrali mai visti prima.

Misteri
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica