L’intervista a Colin Wilson sul mondo dell’ignoto


Colin WilsonColin Wilson ha raccontato di aver avuto un particolare interesse per il paranormale alla fine degli anni settanta quando sua moglie Joy stava leggendo l’autobiografia di Osbert Sitwell in cui lo stesso Sitwell narrava che poco prima della seconda guerra mondiale alcuni ufficiali per conoscere il proprio destino si erano rivolti ad una chiromante di Londra, vedendo la donna preoccupata nell’esaminare la mano di ciascuno degli ufficiali Sitwell chiese il motivo di quella preoccupazione e lei rispose che nelle loro mani non c’era nulla. Solo dopo pochi mesi scoppiò la guerra e morirono tutti gli ufficiali del gruppo.

Questo avvenimento scosse Wilson in  modo particolare e da allora cominciò ad interessarsi sempre più al fenomeno. Secondo Colin Wilson gli spiriti rappresentano dei poteri insoliti che ciascuno di noi può possedere senza saperlo. Tuttavia però gli spiriti non hanno il potere di possederci se non seguiamo la loro stessa linea e questo per fortuna accade raramente. Ad essere posseduti dagli spiriti sono normalmente quegli individui che hanno una morale sporca e non riescono a gestire le emozioni più forti, come nel caso di Peter Sutcliffe, lo Squartatore dello Yorkshire.

i vampiri spaziali di Colin WilsonRiguardo agli UFO, infine, Colin Wilson pensa che gli extraterrestri abbiano il controllo su poteri che anche l’uomo possiede, ma poiché l’uomo è chiuso in una mentalità piuttosto materialistica non riescon a sfruttare a pieno le proprie potenzialità e quindi rispetto agli extraterrestri appaiono come esseri primitivi.

Continua: Insidious 2: intervista esclusiva a James Wan e Patrick Wilson





Lascia una risposta