I Dogon e la conoscenza delle stelle

dogonI Dogon fanno parte di una tribù dell’Africa occidentale e, anche se all’apparenza si potrebbe pensare che hanno origini primitive, al contrario non sono di certo una delle popolazioni più arretrate.

A renderli diversi dalle altre tribù è la loro grande conoscenza di Sirio considerata la stella principale facente parte della costellazione del Cane Maggiore.

I Dogon ritengono che il mondo è stato creato a seguito di una stella che chiamano Po Tolo  che significa “stella seme” ed è pertanto l’origine di ogni cosa; gli astrologi moderni la chiamano invece SIRIO-B che è una compagna molto più piccola di SIRIO-A considerata la stella più brillante del cielo.

Quello che lascia perplessi è che i Dogon hanno una conoscenza astronomica su Sirio molto notevole.

Dogon-statuaAttorno alle stelle questa popolazione partecipa anche a delle cerimonie, come ad esempio la cerimonia Siguy che viene compiuta ogni sessanta anni e coincide con l’orbita di Sirio.

Questo rito ha lo scopo di segnare l’inizio della nuova generazione dei maschi Dogon alla conoscenza di quelle che sono le usanze e la cultura propria della tribù.

Alle danze che caratterizzano questa cerimonia partecipano solo i maschi.

I Dogon hanno delle conoscenze cui l’astronomia moderna non è ancora giunta.

Robert Temple facente parte della società astronomica inglese nel 1976 scrisse il libro “Il mistero di Sirio” nel quale citò le grandi conoscenze che i Dogon avevano su Sirio da ormai migliaia di anni.

Altri scienziati erano di opinioni contrarie e credevano che i Dogon avevano queste informazioni perché gli erano state fornite da europei o statunitensi che erano andati in Africa nei 150 anni precedenti.

Tuttavia queste convinzioni furono smentite; infatti ci fu chi dimostrò che i Dogon possedevano dati astronomici mai conosciuti dal mondo occidentale almeno fino al XX secolo.

Inoltre si pensa anche che i Dogon discendevano dai Greci e ciò a dimostrazione delle origini antiche di questa tribù.


Misteri
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica