Fra ufologia e misteri i trapianti alieni

impianto-alienoUno dei fenomeni più comuni dell’ufologia recente è certamente quello dei rapimenti, o supposti tali da parte di alieni.
Correlato a questo fenomeno, da un pò di tempo a questa parte, vi è anche quello dei cosiddetti trapianti alieni: in pratica buona parte di coloro che sostengono di essere stati rapiti da alieni afferma che questi gli abbiano impiantato nel proprio corpo oggetti anomali.
Vari ricercatori si sono dedicati negli ultimi tempi a questo fenomeno, con risultati che meritano di certo un approfondimento.
Nel 1995 il dott. Roger Leir eseguì, con molta reticenza dovuta ai timori degli effetti negativi che avrebbe potuto avere sulla propria carriera la diffusione di una tale notizia, nel proprio studio di Ventura, in California, due interventi volti ad estrarre dal corpo di due sedicenti “rapiti” degli strani oggetti.
Infatti dalla mano di Pat Parrinello il dott. Leir estrasse un oggetto della dimensione di 4 mm per 2, ricoperto da una membrana di emoglobina e cheratina.
Il dott. Leir escluse subito che potesse trattarsi di una cisti, era troppo consistente, inoltre prima di essere estratto emanava un forte campo magnetico, tant’è che il dottore trovò particolari difficoltà nell’estrazione in quanto l’oggetto si attaccava continuamente al bisturi, ma una volta estratto dal corpo del paziente l’oggetto smise la propria attività elettromagnetica.
Contestualmente furono asportati due oggetti simili dal corpo di una donna, che ha voluto mantenere l’anonimato, uno dei quali aveva forma perfettamente triangolare e misurava 1,5 mm per 1,5.
Promotore degli interventi fu Derrel Sims, esperto ufologo e specialista nel campo dei rapimenti e trapianti alieni, il quale portò subito gli oggetti in questione all’Università di Houston per esami più approfonditi.
La natura degli oggetti era sconosciuta. L’analisi chimica dimostrava la presenza di boron, sostanza sconosciuta al corpo umano, ed infine si notò che se venivano sottoposti a luce ultravioletta gli impianti assumevano una colorazione verde luminosa.
Inutile dire che molte sono le bufale, che in questi casi non mancano mai, ma alcuni casi controversi restano, anche perché il partito degli scettici, almeno questa volta non è stato in grado di fornire spiegazioni particolarmente esaustive: la più accreditata è quella che in realtà tali impianti siano delle escrescenze che si sono formate spontaneamente nel corpo; altri invece, come il ricercatore americano Martini Cannon, tirano in ballo la Cia e un fantomatico piano di controllo della mente di alcune cavie.
In ogni caso svolgere in questo campo ricerche più approfondite non sarebbe poi così sbagliato.

Misteri
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica