Mirtilli a colazione – di Meg Mitchell Moore


Mirtilli a colazione - di Meg Mitchell MooreL’esordio letterario di Meg Mitchell Moore, autrice statunitense èdita in Italia da Garzanti, ha incontrato un grande successo di pubblico e non solo: gli stessi librai l’hanno eletto esordio letterario dell’anno. Si tratta di un romanzo godibile e divertente che racconta le vicende di una famiglia in cui tutti, in un modo o nell’altro, ci riconosciamo.

Ginny e William sognavano di trascorrere in pace e serenità gli anni della vecchiaia e della pensione, senza urla di bambini o giocattoli per la casa, con i figli ormai grandi erano convinti di potersi godere in santa pace un pò di tranquillità: ma il destino aveva in serbo ben altro per loro.

Nel giro di pochi si ritrovano la casa invasa dai propri figli e dalla loro progenie. La prima è Lillian, che con la sua bambina di tre anni e con il neonato Philip ha lasciato la sua casa stanca dei continui tradimenti del marito. Poi è il turno di Stephen, che porta lì la moglie appena scopre che la sua gravidanza è a rischio ed è costretta ad una immobilità assoluta. Ed infine tocca alla più piccola dei loro figli, Rachel, che avendo perso il lavoro e non potendosi più permettere abbigliamento costoso e affitto al centro di Manhattan ha deciso di far ritorno all’ovile.

E così Ginny e William si ritrovano di nuovo la casa piena, fra colazioni tumultuose e giocattoli sparsi per il salotto, e devono imparare a conoscere di nuovo i loro figli, perchè i loro problemi non sono più un brutto voto a scuola o una caduta dalla bici,  e perchè non si finisce mai di essere genitori……

 

Continua: Oink! Un amore tutto rosa – di Matt Whyman





Lascia una risposta