Le brave ragazze non leggono romanzi – di Francesca Serra

le braveIl libro di Francesca Serra édito da Bollati Boringhieri contiene un messaggio rivolto al mondo femminile ritenendo che le donne che trascorrono intere ore a leggere libri, impegnandosi nella lettura con tutte se stesse non sono delle intellettuali al passo con i tempi, ma solo delle lettrici accanite e voraci per le quali la lettura può rappresentare l’inizio di un cammino verso una maggiore consapevolezza di se stesse, a prescindere se le donne sono spesso divoratrici di romanzo rosa e sdolcinati, vedendo anzi in questo una propensione erotomane.

Infatti la scrittrice riporta nel suo testo, ironico e spigliato, un passo di Rousseau secondo il quale una ragazza di nobili origini non dovrebbe leggere alcun tipo di romanzo. Questo pensiero di Rousseau ebbe lunga durata; si pensi ad Alice nel paese delle meraviglie intenta a rincorrere il Bianconiglio o alla Novella Eloisa che in maniera attenta e accanita leggeva le lettere scrittegli dal compagno o infine a Marilyn Monroe che veniva fotografata in una delle ultime apparizioni su una spiaggia mentre aveva tra le mani l’Ulisse di Joyce. Ma la scrittrice intende rovesciare l’asserzione di Rousseau sostenendo che una donna prima di essere amante deve imparare ad essere una grande lettrice.

ATuttoNet
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica