La fuga del signor Monde – di Georges Simenon


lafIl romanzo di Georges Simenon edito da Adelphi “La fuga del Signor Monde” è uno sfuggire alla quotidianità della vita sempre uguale di ogni giorno. Da diversoe tempo il Signor Monde nel vedere un barbone dormire sotto un ponte, anziché provare tristezza per quell’individuo abbandonato al suo destino, finiva sempre per invidiarlo, perché in fondo provava invidia per quella vita totalmente libera, fuori dagli schemi comuni.

Così una mattina di inverno mentre il suo autista, come tutti i giorni, lo accompagnava a lavoro nella sua azienda, il Sig. Monde decide di fuggire via, di dedicarsi ad una nuova vita, lontana da tutto e da tutti.

E quell’idea, sebbene sopraggiunta all’improvviso, quella stessa mattina di inverno, ai suoi occhi si presenta come un qualcosa di già vissuto, come un gesto abituale del suo modo di essere.

Allontanatosi dal quotidiano, il Sig. Monde conosce Julie e i due vanno a vivere insieme. Ma quando tutto sembra perfetto ecco comparirgli qualcosa o qualcuno del passato; decide quindi di tornare al suo lavoro e di riprendersi la vita che gli apparteneva, con la consapevolezza però di volerla vivere con una serenità diversa, più pacata e meno combattiva.

Continua: Per puro caso – di Anne Tyler





Lascia una risposta