The Evil Within recensione


the-evil-within-00016

E’ passato molto tempo da quando Shinji Mikami, geniale game designer giapponese, diede alla luce una delle pietre miliari dei survival horror su console: Resident Evil. Oggi lo ritroviamo con il suo ultimo progetto attesissimo dai fan, ovvero The Evil Within; vediamo assieme se le grosse aspettative sono state confermate!

Il gioco si basa sulle indagini del detective Sebastian Castellanos all’interno di un ospedale psichiatrico, dove si annida una forza sovrannaturale che pare abbia dato vita ad un vero e proprio incubo ricco di atmosfere claustrofobiche ed orribili creature.

In The Evil Within si respira un clima davvero surreale, dove niente è come sembra, ricreando perfettamente le atmosfere horror grazie ad una direzione di livello cinematografico. Ad accrescere ancora di più la tensione ci pensa l’ottimo comparto sonoro che ci accompagna durante tutta l’avventura, con i vari suoni di respiri e passi in lontananza che ci terranno sempre sul chi va là.

the-evil-within-00012

Le meccaniche di gioco si basano su un’impostazione di tipo sparatutto in terza persona, con la telecamera posta sulle spalle del giocatore, ma ovviamente il numero esiguo di munizioni ci porterà a muoverci con molta cautela in modo da evitare gli scontri più pericolosi piuttosto che affrontarli a viso aperto; l’uso di trappole presenti nell’ambiente di gioco darà varietà all’azione ed alle decisioni del giocatore, nonostante queste ultime siano piuttosto limitate.

the-evil-within-00008

La difficoltà è piuttosto elevata, e vi servirà una buona dose di pianificazione per potervi districare dalle situazioni più complesse, in cui uno scontro frontale significa morte certa; quello che però manca in The Evil Within è però un vero e proprio senso di terrore ed angoscia tipici di ogni survival horror che si rispetti. La non propria originalità che si ritrova ad affrontare il giocatore in alcune situazioni che dovrebbero appunto farlo sobbalzare dalla sedia funzionano poco, e questo purtroppo non gli permette di elevarsi a titolo top del genere.

Continua: The Evil Within, un nuovo gioco in salsa horror





Lascia una risposta