Fantasy Life recensione


fantasy-life-2

Mondi fantastici, dai colori più sgargianti e spensierati possibili, per far volare la fantasia di grandi e più piccoli. Sembra essere questo il vero e proprio credo dei ragazzi del team di Level-5, i quali ci hanno regalato nel tempo capolavori del calibro di Dragon Quest 8Ni no Kuni: La minaccia della strega cinerea ed il sottovalutato Rogue Galaxy. Ed è venuto il momento di portare questi mondi incantevoli anche su Nintendo 3DS, con appunto Fantasy Life!

Nel mondo fiabesco di Fantasy Life vi ritroverete a ricreare un vostro alter ego a cui assegnare subito all’inizio del gioco un…lavoro! Nel regno di Castele infatti, ogni abitante è caratterizzato da un suo lavoro principale a cui dedicarsi con impegno e costanza, e questi variano dal falegname al cuoco, dal paladino all’alchimista. Una grande varietà di lavori appunto (che possiamo definire come delle classi per i personaggi), i quali potranno essere sviluppati per portare avanti le caratteristiche peculiari di ciascuno; è importante sottolineare come non sarete vincolati comunque ad una scelta definitiva, ma potrete cambiare più lavori durante il gioco, in totale libertà e nella maniera più spensierata possibile.

fantasy-life-5

Il gioco infatti si pone in modo molto leggero e fluido, donando completa libertà al giocatore e non legandolo a seguire delle linee guida pre-impostate forzatamente. Partendo da questi presupposti, Fantasy Life vi propone una varietà davvero enorme di avventure, enigmi e cose da fare, girando nella più totale libertà d’azione nel vasto mondo di Reveria, incontrando ed interagendo con personaggi bizzarri e dai tratti tipici derivati dai jRPG più tradizionali. Il meccanismo dei mestieri poi funziona bene in questo senso, dato che dona al giocatore la più totale libertà di poter veramente essere quello che desidera, non limitando in alcun modo uno sviluppo eclettico del proprio alter-ego (un cuoco spadaccino, un falegname sarto, tutto è possibile!).

fantasy-life-4
Il sistema di combattimento è ben fatto, con scontri all’arma bianca o tramite magie che potremo ingaggiare con le varie creature che incontreremo (alcune amichevoli, altre molto meno!); in questi potremo essere aiutati anche da altri personaggi di gioco o dai nostri amici, connessi tramite wifi od attraverso internet. A livello di personalizzazioni, abbiamo anche a disposizione una propria casa per il giocatore, la quale potrà essere “addobbata” in modo molto simile a quanto visto in Animal Crossing. Proprio a causa del suo stile molto leggero, il gioco però pecca un po’ sul livello di sfida, che vi segnaliamo essere un po’ basso se siete abili giocatori in cerca di un grado di difficoltà molto alto.
A livello tecnico, Fantasy Life rappresenta un livello di realizzazione davvero alto per la console Nintendo, con un 3D ben fatto, non fastidioso e che dona molta profondità ed immersione sia all’azione di gioco, sia ai paesaggi veri e propri.

Tantissime cose da fare, con la massima libertà d’azione per come e quando farle, un vasto mondo da esplorare ed uno stile fiabesco, creativo ed accattivante, rendono Fantasy Life una piccola perla da non lasciarsi scappare, per passare più di qualche ora a viaggiare con la fantasia e vivere una seconda vita virtuale, molto più leggera di quella reale!

Continua: Mortal Kombat X recensione





Lascia una risposta