Il mondo della pubblicità online, ancora una volta, potrebbe subire un nuovo scossone: dopo le vibranti proteste degli investitori pubblicitari, Audiweb (la società che si occupa di monitorare e pubblicare i dati del traffico dei migliaia di siti web affiliati a lei) ha deciso di rendere più trasparenti i dati, obbligando i siti presenti nelle sue statistiche a non accorpare più in modo sconsiderato i siti dei vari network.

Fino ad oggi, per semplificare, era possibile gonfiare il traffico di un network sommando differenti siti legati esclusivamente da alleanze commerciali o con una lettera di cessione del traffico: questo sistema permetteva ai grandi portali (e non) di sventolare agli investitori numeri esorbitanti, numeri realizzati sommando tanti piccoli editori che nulla avevano a che fare con il grande portale, falsando così il reale potenziale dell'investimento.

I siti dovranno mettersi a norma entro 4 mesi a partire da settembre 2013