+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    DrJ
    DrJ è offline
    Utente Leggenda
    Points: 15,772, Level: 18
    Level completed: 29%, Points required for next Level: 1,278
    Overall activity: 16.9%
    Achievements:
    SocialYour first GroupRecommendation Second ClassVeteranTagger First Class
    L'avatar di DrJ
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Genere
    Maschio
    Località
    Torri di Quartesolo - VI
    Messaggi
    2,663
    Punteggio
    15,772
    Livello
    18
    Credits
    5,680
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    0
    Ringraziato 0 Volte in 0 Post
    Buon 5 maggio a tutti!
    Anche in questi giorni di crisi nera bisogna trovare un motivo per sorridere.
    Oggi per noi juventini è una giornata particolare, da ricordare. Ricordiamo quel fantastico pomeriggio di cinque anni fa.

    E' il 5 maggio 2002, una data che rimarrà nella storia del calcio italiano. L’Inter è di scena a Roma, contro la Lazio; i tifosi biancoazzurri sono in conflitto con il loro presidente e, per protesta, promettono di tifare per l’Inter. Tantissimi sono i tifosi giunti da Milano e lo stadio “Olimpico” è completamente vestito di nerazzurro. Atmosfera completamente diversa ad Udine; certo, il colore predominante è il bianconero, ma solo perché sono i colori sociali dei padroni di casa. Tanti tifosi juventini, è vero, ma lo stadio non tifa certamente per la “Vecchia Signora”. La Roma è di scena a Torino, con la squadra granata che non ha più niente da chiedere al campionato; «So già come andrà a finire», dice Capello, allenatore romanista, «vinceranno tutte e tre e la classifica non cambierà».
    Ore 15:00 si parte. Nemmeno il tempo di controllare le formazioni e la Juventus è già passata in vantaggio; preciso cross di Conte e zuccata decisiva di Trezeguet, capocannoniere insieme al piacentino Hübner. Dopo nemmeno dieci minuti, lo stesso attaccante francese lancia in contropiede Del Piero; diagonale preciso di “Ale” e la Juventus ha già chiuso la pratica Udinese. Non resta, per i tifosi bianconeri, che rimanere attaccati alla radio per avere buone notizie da Roma; notizie che arrivano subito, ma non sono quelle sperate. Infatti, grazie ad un clamoroso errore del portiere laziale Peruzzi, “Bobo” Vieri porta in vantaggio l’Inter; lo stadio “Olimpico” ribolle di entusiasmo, i tifosi juventini sono in un mesto silenzio.
    Ma il pomeriggio è ancora lungo, dopotutto non sono che passati pochi minuti dall’inizio delle partite. Diciannovesimo minuto, un brivido scuote le due tifoserie; il ceko Poborsky, approfitta di una “dormita” colossale della difesa interista e realizza il goal del pareggio laziale. Ad Udine è il finimondo, a Roma è una marcia funebre; ma i tifosi juventini non possono festeggiare a lungo, perché quattro minuti dopo Di Biagio riporta avanti l’Inter. Questa volta è davvero finita, pensano gli juventini; si sbaglieranno di grosso. Manca pochissimo alla fine del primo tempo; ad Udine non succede niente, la partita è finita dopo il goal di Del Piero. Ancora un brivido di gioia scuote i tifosi juventini; di nuovo Poborsky, con l’involontario aiuto del suo connazionale Gresko, gonfia la rete nerazzurra e porta il risultato sul 2 a 2. Fine dei primi tempi; la classifica dice Juventus campione d’Italia, Inter seconda, Roma (ancora ferma sullo 0 a 0) terza.
    Inizia la ripresa. Le gambe dei giocatori nerazzurri, già di legno, diventano di marmo ed il pallone è una bomba che fa paura solo a sfiorarlo; la tattica non conta più, la confusione e la rabbia sono le uniche cose che servono in questi momenti. Cuper fuma l’ennesima sigaretta, Massimo Moratti è di pietra; al suo fianco Tronchetti Provera perde la proverbiale abbronzatura. Il trionfo annunciato inizia a trasformarsi sempre di più in una sconfitta storica. Al decimo minuto la tragedia nerazzurra ha la faccia impassibile di Simeone, l’ex interista, che di testa batte Toldo e non esulta. Adesso tutto diventa impossibile, assurdamente impossibile; tra la squadra nerazzurra e lo scudetto ci sono due goals da realizzare, in poco più di mezzora. Allo stadio di Udine, logicamente, si respira tutta un’altra aria; i tifosi, ma anche i giocatori stessi, cominciano a crederci. Lippi cerca di mantenere la calma, ma è quasi impossibile; i tifosi bianconeri cantano, qualcuno piange, il grande sogno si sta avverando.
    A Torino, intanto segna Cassano e l’Inter scivola al terzo posto, scavalcata anche dalla Roma. La lotta disperata di Vieri, i lampi di classe impotente di Ronaldo e le corse di Dalmat non riescono a spostare il risultato; il cronometro che prima sembrava bloccato, ora nella testa degli interisti corre veloce come mai. L’ultima spallata è di Simone Inzaghi; cross da sinistra e goal di testa per il 4 a 2 che regala lo scudetto alla Juventus e gela lo stadio “Olimpico”.
    La partita più strana del mondo è finita; piangono i tifosi interisti, festeggiano quelli juventini. Allo stadio “Olimpico” Vieri è immobile, Ronaldo al suo fianco si copre la faccia con le mani e piange disperato. Materazzi impreca contro i giocatori laziali; «Due anni fa vi avevamo fatto vincere, vi avevamo fatto vincere». Gresko singhiozza, Moratti è attonito, Hector Cuper fuma da solo la millesima sigaretta, ripensando alla sua fama di “eterno secondo”. Ad Udine, invece, è gioia allo stato puro; capitan Conte urla tutta la sua rabbia: «Qualcuno che era a Perugia e rideva, oggi piange … ed io godo, godo, godo». Lippi è raggiante; l’avevano definito una “minestra riscaldata”, ora è un gladiatore che saluta la folla dopo l’ennesimo trionfo.
    Finisce il campionato 2001-02; come quel giovedì del 1967, la Juventus supera sul filo di lana l’Inter. Come tante altre volte, sono i tifosi juventini a gioire; come tante altre volte, i tifosi nerazzurri rincasano sconfitti, piangenti con la bandiera arrotolata, quella con stampato sopra il 14° scudetto, che solo un manipolo di furfanti gli regalerà a tavolino qualche anno dopo. (Fonte: ilpalloneracconta.blogspot.com).

    Rivediamo alcune immagini simbolo:



    Il tabellone dell'Olimpico



    L'allegra coppia (o i due furfanti)



    Il pianto di Ronaldo



    Una eloquente immagine riepilogativa!

    Ed il filmato di quello storico pomeriggio:

    http://www.youtube.com/watch?v=PIrGftXAfzw


    Buon anniversario a tutti i veri tifosi bianconeri!
    Ultima modifica di DrJ; 05-05-2009 alle 14: 40


  2. #2
    Dog
    Dog è offline
    Super Moderatore
    Points: 62,864, Level: 35
    Level completed: 98%, Points required for next Level: 86
    Overall activity: 37.0%
    Achievements:
    SocialYour first GroupVeteranCreated Album picturesCreated Blog entry
    Premi:
    Premio Comunità
    L'avatar di Dog
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Genere
    Maschio
    Località
    Padova
    Messaggi
    7,504
    Punteggio
    62,864
    Livello
    35
    Credits
    63,346
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    122
    Ringraziato 22 Volte in 17 Post
    Inserzioni Blog
    12

    I miei social

    Segui Dog su Twitter Segui Dog su Facebook
    Buon 5 maggio !


  3. #3
    Utente Leggenda
    Points: 10,804, Level: 15
    Level completed: 17%, Points required for next Level: 1,246
    Overall activity: 0%
    Achievements:
    SocialVeteranCreated Album picturesTagger First Class10000 Experience Points
    L'avatar di M.T.B.
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Genere
    Maschio
    Località
    Cattolica
    Messaggi
    1,391
    Punteggio
    10,804
    Livello
    15
    Credits
    97,321
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    21
    Ringraziato 11 Volte in 8 Post
    E il 5 maggio, è andata male
    a Moratti e a tutta l'Internazionale
    voi tutti a Roma, già pensavate
    di esser campioni ma non vi ricordavate
    che lo scudetto si vince a Maggio
    e non a luglio con il solito miraggio
    e mentre Ronnie se la piangeva
    c'era la Curva bianconera che godeva
    e che pensava, a voi interisti,
    laggiù a Roma con le facce tutte tristi
    oh neroazzurro, sai che facciamo
    alziam le mani e tutti insieme noi cantiamo
    e 5 Maggio 2002 ora le date da cantare sono 2
    si è risvegliato l'azzurronero che allo Scudetto ci
    credeva per davvero.
    Partiti in treno, bandiere in mano, fan finalmente
    una trasferta fuori da Milano, nella sua curva è
    tutto apposto perchè han scordato il nostro coro
    Luglio e Agosto, Ronaldo piange, diventa pazzo
    perchè con l'Inter non si vince mai un ca..o
    e arriva il fischio di Paparesta ma è in curva a Udine
    che si scatena la gran festa.
    Perciò ricorda, tifoso pirla, di fare l'Ultras è proprio
    l'ora di finirla, è da una vita che lo cantiamo, la vostra
    squadra è la vergogna di Milano, quattordicianni di
    umiliazione e Luglio Agosto rimarrà il tuo tormentone
    E adesso Piangi Interista maledetto perchè hai nel c..o
    e non sul petto lo Scudetto!
    Presidente Spartacus.

    Crederci Sempre.. Mollare Mai!!!

  4. #4
    Utente Leggenda
    Points: 10,804, Level: 15
    Level completed: 17%, Points required for next Level: 1,246
    Overall activity: 0%
    Achievements:
    SocialVeteranCreated Album picturesTagger First Class10000 Experience Points
    L'avatar di M.T.B.
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Genere
    Maschio
    Località
    Cattolica
    Messaggi
    1,391
    Punteggio
    10,804
    Livello
    15
    Credits
    97,321
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    21
    Ringraziato 11 Volte in 8 Post
    5 Maggio 2002 Stadio friuli di Udine io c'ero e Godevo!!!!
    Presidente Spartacus.

    Crederci Sempre.. Mollare Mai!!!

Tag per Questa Discussione
Articoli consigliati
Permessi di Scrittura
  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •