Una statistica realizzata da Datagiovani, utilizzando i dati del Miur e mettendo a confronto i dati dell'anno scolastico 2007/2008 con quello appena conclusosi, dimostra che in cinque anni ci sono state 38.340 iscrizioni all'università in meno, ossia una flessione del 12,5%.
Nel sud e nelle isole le iscrizioni sono diminuite del 20% e inoltre oltre il 73% degli abitanti del sud preferisce seguire i corsi presso un ateneo del centro-nord.
La scelta per quello che riguarda i corsi di laurea è diretta verso le facoltà più orientate verso il mercato del lavoro e sopratutto, dell'impresa privata, con occhio preferenziale verso l'estero e ciò è confermato dal fatto che le facoltà di lingue non hanno perso tanti iscritti.
Tutto ciò spiega perchè le facoltà scientifiche abbiano perso solo lo 0,2%, mentre l'area sociale ha perso un 20% di iscritti.
Non è andata meglio alle facoltà umanistiche che perdono l'11,9% e a quelle sanitarie con un meno 18,7%.
Fonte