Pi?š vicini i DVD olografici
InPhase ha annunciato che la propria tecnica di registrazione olografica le ha permesso di ottenere un nuovo primato nella densit?* di memorizzazione dei dati su supporti ottici. Presto i dischi da 300 GB

Longmont (USA) - InPhase Technologies, che da anni ?¨ impegnata nello sviluppo della propria tecnologia di archiviazione olografica Tapestry, ha annunciato di aver raggiunto una densit?* di memorizzazione record pari a 515 gigabit per pollice quadrato: quasi cinque volte superiore a quella degli hard disk oggi sul mercato.

Il nuovo traguardo di InPhase apre la strada a dischi ottici olografici capaci di memorizzare diversi terabyte di dati, dati che potranno essere letti e scritti alla velocit?* di 20 MB/s. La prima generazione di questi dischi, che dovrebbero arrivare sul mercato verso la fine dell'anno, avr?* la stessa dimensione di un DVD e una capacit?* di 300 GB, ovvero sei volte superiore a quella di un disco Blu-ray a doppio layer. Entro i prossimi 5 anni l'azienda conta di introdurre sul mercato supporti olografici con capacit?* fino a 1,6 TB.

InPhase venne fondata quattro anni or sono da Lucent Technologies come divisione di ricerca autonoma dei Bell Labs. L'obiettivo dichiarato della societ?* ?¨ quello di portare per prima sul mercato un sistema completo di archiviazione basato sulla tecnologia olografica.

I dischi progettati da InPhase possono essere letti e scritti per mezzo di una tecnica, chiamata Tapestry, messa a punto dalla stessa societ?*: qui l'ologramma, formato da una o pi?š matrici di bit, si forma dall'intersezione di due raggi laser, una di riferimento e una di modulazione (che contiene i dati), originati da un singolo raggio di partenza.

Soprattutto a causa del loro elevato costo, i dischi olografici verranno inizialmente proposti come alternativa ai sistemi di backup aziendali basati su nastri magnetici. Rispetto a questi ultimi, i media olografici promettono un accesso ai dati estremamente pi?š veloce: velocit?* che dovrebbe facilmente battere anche quelle dei sistemi ottici tradizionali.

Un'altra societ?*, Optware, aveva annunciato negli scorsi anni lo sviluppo di dischi olografici con capacit?* compresa tra i 200 e i 300 GB.


fonte punto-informatico