+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Utente Leggenda
    Points: 15,455, Level: 18
    Level completed: 12%, Points required for next Level: 1,595
    Overall activity: 18.6%
    Achievements:
    SocialYour first GroupRecommendation First ClassVeteranCreated Album pictures
    L'avatar di principe_igor
    Data Registrazione
    Nov 2008
    Genere
    Maschio
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,879
    Punteggio
    15,455
    Livello
    18
    Credits
    58,852
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    0
    Ringraziato 1 Volta in 1 Post
    Inserzioni Blog
    24
    Acquistare auto d’importazione: Controlli da eseguire
    Acquistare auto d’importazione: Controlli da eseguire

    Per le autovetture km 0 di provenienza estera è opportuno eseguire alcune verifiche, in modo da evitare irregolarità e soprattutto di pagare successive sanzioni.
    Il rischio maggiore è rappresentato dall’evasione dell’IVA.

    Dal 2 dicembre 2007 il venditore è obbligato a versarla prima dell’immatricolazione, pena il mancato rilascio della carta di circolazione da parte del SIIT (ex Motorizzazione).

    Attenzione, quindi:
    1) Ricordate che l’IVA deve essere del 20% e deve essere scritto sul contratto ed ovviamente sulla fattura. Se sulla fattura c’è la dicitura “IVA a margine” o “Art. 36”, significa che vi stanno vendendo un’auto usata, cioè con più di 6 mesi di vita e 6.000 km, che è stata acquistata da un privato, quindi l’IVA viene pagata solo su una parte del valore; L’auto nuova o a km. 0, invece, deve aver percorso meno di 100 km.
    2) Fatevi sempre esibire i documenti esteri e verificate l’intestatario dell’autovettura e la data di avvenuta immatricolazione in Italia (anche le vetture usate estere sono soggette ad immatricolazione in Italia);
    3) Controllate sempre la data di prima immatricolazione estera, perché è da quella che parte la garanzia della casa madre;
    4) Verificate il numero di telaio scritto sul contratto e sulla fattura. Deve sempre coincidere con quello punzonato all’interno del vano motore;
    5) Verificate, per quanto sia possibile, che la società che vi vende l’autovettura sia reale, quindi che sia esposta negli uffici l’autorizzazione per il commercio di autovetture.
    6) Fatevi rilasciare una “dichiarazione di assolvimento degli obblighi IVA” su carta intestata dell’azienda a firma del legale rappresentante, dove sono indicati numero di telaio dell’autovettura, targa estera, paese d’importazione, numero e data della fattura di acquisto, oltre al modello F24 di pagamento allegato.
    7) Attenzione al modello F24 per l’immatricolazione di autovetture estere.
    Molte aziende, purtroppo, sono soventi falsificare gli F24 consegnati in copia al cliente, creando problemi anche economici al cliente.

    Come funziona il meccanismo di immatricolazione e di frode dell’IVA:
    Appena entrata in vigore la legge sull’obbligatorietà del pagamento a mezzo F24 dell’IVA, molte aziende avevano attuato frodi consistenti nel pagare un F24 di pochi euro, in genere 50, poi modificato allo scanner e consegnato alla parte. Alla ex Motorizzazione no poteva comparire l’errore in assenza di altri elementi, ma solo che la società aveva ottemperato alla presentazione dell’apposito Modello. In seguito una cooperazione Motorizzazione – Agenzia delle Entrate ha permesso di sviluppare un programma di inoltro (solo per via telematica) e controllo dei modelli presentati. L’azienda invia il modello apposito telematicamente con il relativo pagamento, se l’importo è inferiore a 1.000 € il programma della SIIT invia un e-mail di errore ed invita a giustificare il minor pagamento presso l’Agenzia delle Entrate di competenza, pena la mancata immatricolazione del veicolo.
    Perché 1.000 €? Basti pensare che una normale auto del valore di 20.000€ dovrebbe pagarne 5.000€ di IVA ed il gioco si capisce da solo.
    Purtroppo ultimamente si sta consolidando un altro escamotage che consiste nel pagare F24 di 1.050€. Il programma non segnala l’errore, le auto vengono immatricolate, l’Agenzia prima che se ne accorga passano 2-3 anni e si rivolge al cliente, obbligato in solido al pagamento del resto dell’IVA. Per fortuna i controlli di Agenzia e Guardia di Finanza sono appositamente mirati in tal senso ed evadere in questo campo è diventato sempre più difficile.

  2. #2
    Utente spaesato
    Points: 1,172, Level: 5
    Level completed: 25%, Points required for next Level: 378
    Overall activity: 3.4%
    Achievements:
    1 year registered1000 Experience Points

    Data Registrazione
    Oct 2010
    Genere
    Maschio
    Messaggi
    1
    Punteggio
    1,172
    Livello
    5
    Credits
    437
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    0
    Ringraziato 0 Volte in 0 Post
    Ciao,mi presento sono nuovo di questo forum complimeti a tutti.
    Ho vissuto un'esperienza per la quale vorrei dei chiarimenti .
    Ho comprato da una concessionaria multimarche una audi q5 d'importazione valore 51.000 euro . Quando sono andato a ritirare l'auto comprata per "nuova" mi accorgo che il contachilometri marcava 1280 Km più o meno .
    Faccio presente la cosa al venditore il quale mi risponde che essendo d'importazione l'auto non può avere Km zero "per legge",e la casa o chi la vende mette dei Km fittizi (o li fa fare,secondo me) per permettere ai compratori stranieri di acquistarla.
    Sul linretto dell'auto vi è scritto che la prima immatricolazione in Germania risale al 16/03/10 e la data dell'immatricolazione italiana è di 2 giorni fa,il 13/10/10 .
    L'auto è visibilmente NUOVA,nuovissima,l'ho esaminata attentamente.
    Cosa potrebbe essere successo?
    Chiedo spiegazioni a chi lo sa per certo.
    Grazie a tutti.
    Gianluca

  3. #3
    Utente spaesato
    Points: 1, Level: 1
    Level completed: 0%, Points required for next Level: 1
    Overall activity: 0%

    Data Registrazione
    Jul 2017
    Genere
    Maschio
    Messaggi
    1
    Punteggio
    1
    Livello
    1
    Credits
    230
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    0
    Ringraziato 0 Volte in 0 Post
    Agenzia delle Entrate di competenza, pena la mancata immatricolazione del veicolo.

Tag per Questa Discussione
Articoli consigliati
Permessi di Scrittura
  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •