Nella storia mondiale molti sono gli scrittori che si sono distinti per le loro "opere", ognuno di questi nella propria opera a cercato di conquistare il pubblico, con storie fantastiche, d'amore, dramma, gioventù, mitologia, scienza, narrativa, etc. etc..
Nessuno però in particolare a mai affrontato un tema spinoso, come quello della religione derivante dalla bibbia. La bibbia è un insieme di libri, che ha inciso profondamente sulla vita di miliardi di persone.

Si sono scritti decine di libri sulle tre religioni monoteistiche, Ebraica, Cristiana, Musulmana, ma sempre partendo come base dalla bibbia. Nessuno ad eccezione degli accademici, esegeti e ricercatori, hanno mai scritto o confutato alcunchè di questo libro, partendo dalle traduzioni ebraiche o dal contenuto di tale libro da molti ritenuto sacro. Negli ultimi dieci anni molti scrittori e scrittrici internazionali, hanno cercato di affrontare questo tema, ma con scarso interesse da parte del "pubblico", ritenendo il contenuto di queste opere a volte insulse a volte blasfeme o soliti "polpettoni" per credenti.

Da tre anni a questa parte, un traduttore di antico ebraico masoretico, sta facendo parlare di sè e delle sue traduzioni, divenute quattro libri di discreto successo ed una enorme scia di consensi in RETE, con filmati su You tube, interviste e conferenze sia in Italia che negli Stati Uniti (America). La cosa che mi ha colpito subito di questo traduttore/scrittore e il fatto che è Italiano, anzi per la precisione è di Torino.

Quest'uomo si chiama Mauro Biglino ha circa 60 anni e sfogia una dialettica sia orale che scritta di tutto rispetto, conosce bene l'argomento in quanto si occupa di traduzioni da circa 30 anni ed ha lavorato per le edizioni San Paolo per una quindicina circa, traducendo 19 libri di cui 17 pubblicati dalla C.E.I. Conferenza Episcopale Italiana (Vaticano).
Il successo di queste opere è dovuto al fatto, che non ci troviamo di fronte ad un neofita o meglio di un semplice scrittore, ma siamo di fronte ad un personaggio che non solo traduce direttamente dall'antico ebraico conoscendolo, ma addirittura, effettuando uno studio come libero pensatore su tutto l'antico testamento, ricostruisce, traducendo, una diversa storia raccontata nella bibbia, denunciando non solo le mistificazioni semantiche contenute in quel libro(insieme di libri), ma veri e propri cambiamenti e trasformazioni operate dai teologi in oltre 2500 anni.

Lo studio approfondito da parte di quest'uomo dei libri che compongono la bibbia, stà portando alla luce le contraddizioni ivi contenute, facendo emergere una storia totalmente diversa da quella sino ad oggi conosciuta e raccontata dalla religione. Non era mai successo che qualcuno smontasse tassello dopo tassello, interi capitoli della bibbia, attribuendogli significati diversi, che la teologia aveva mascherato con traduzioni addomesticate e falsate, al fine di creare appunto una religione.

La metodologia applicata in questo studio approfondito di quello che viene definito il testo "sacro", ha portato inizialmente ad una alzata di scudi da parte di sedicenti esegeti e cattolici i quali hanno attaccato a testa bassa l'autore, dandogli qualunque tipo di epiteto, sino a giungere alle offese dirette, tipico di personaggi conservatori e credenti mistici, i quali vedendo attaccato "il loro mondo" hanno reagito cercando di screditare lo studioso/scrittore prima sulle traduzioni, poi sulla metodologia sino ad arrivare a dichiarare che stava inventando tutto, per un proprio tornaconto economico.

Tutto questo clamore però non ha mai visto come controparte la chiesa, la quale tace perchè sà che quelle traduzioni sono vere, come lo sanno migliaia di traduttori accademici e ricercatori ebrei, che non hanno mai avuto il coraggio di prendere posizione contro la religione.

Oggi a distanza di quasi quattro anni dal primo libro a cui ne sono seguiti altri tre, molti esegeti ebrei che insegnano nelle migliori università giudaiche sia in Israele che in America, cominciano a confermare l'esattezza di quelle traduzioni, confermando altresi la veridicità contenuta in quelle pubblicazioni.
Personalmente ho seguito e seguo con molto interesse lo studio intrapreso da questo traduttore, che ritengo persona seria e molto preparata.

La cosa che inizialmente mi aveva lasciato un pò perplesso era che dalle traduzioni effettuate dal Biglino, emergeva anche un intervento di esseri giunti da altri mondi e che la chiesa, era conoscenza di questo.
Con mia grande sorpresa la chiesa dava conferma attraverso importanti esponenti del Vaticano, della presenza di alieni in un antico passato e che la bibbia ne dava atto all'interno di essa.
La chiesa conferma di conoscere da migliaia di anni questa verità, ma non ha mai parlato di ciò, oggi cominciano anche Loro a dare conferme sull'esistenza di esseri provenienti da altri mondi, che hanno pesantemente influenzato le religioni sin dalla loro nascita.

Ometto i titoli dei libri, facilmente rintracciabili sotto il nome dell'autore in rete, questi libri e l'autore Mauro Biglino, sono d'interesse particolare e ne consiglio la lettura.