+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Moderatrice Salottino
    Points: 1,552, Level: 6
    Level completed: 1%, Points required for next Level: 598
    Overall activity: 41.0%
    Achievements:
    Overdrive3 months registeredCreated Album pictures1000 Experience Points
    L'avatar di nonnamancata
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Genere
    Femmina
    Località
    siciliana di origine, abito nella bergamasca da circa 40 anni
    Messaggi
    3,301
    Punteggio
    1,552
    Livello
    6
    Credits
    18,177
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    358
    Ringraziato 360 Volte in 285 Post
    Bartleby lo scrivano
    Titolo: Bartleby lo scrivano
    Autore: Herman Melville
    Genere: drammatico
    Prima edizione:1853

    Questo racconto si svolge a New York, e la storia viene raccontata in prima persona da un agiato avvocato di quella città, che, avendo bisogno di ampliare l'organico del suo studio legale, costituito da singolari dipendenti, assume un altro scrivano, appunto Bartleby, che viene da lui definito come una figura “pallidamente linda,penosamente decorosa, irrimediabilmente squallida.”Il nuovo scrivano dapprincipio è molto zelante, esegue con scrupolo tutti i compiti che gli vengono affidati, è il primo ad arrivare e sempre l'ultimo ad andare via; parla pochissimo, a voce bassa e non racconta nulla di sé, contentandosi di stare in silenzio dietro il suo tramezzo.
    Pian piano però le cose si complicano e Bartlebly comincia a rifiutarsi di fare il suo lavoro, senza addurre nessuna giustificazione e l'unica risposta alle molte domande che gli fa il datore di lavoro, in fondo un uomo di cuore, è sempre ”preferirei di no”(in alcune edizioni “avrei preferenza di no”)
    Invano il proprietario gli offre di cambiare tipo di incombenza, la risposta è sempre la stessa, “preferirei di no”. Dopo continua insistenza e data l'ostinazione di Bartleby, visto che in ufficio la situazione è diventata pesante, l'avvocato decide di licenziarlo, licenziamento accolto da Bartleby con la stessa impassibile espressione di sempre.
    Si scopre poi che lo scrivano non ha famiglia né casa, e che dorme in ufficio;l'avvocato, impietosito, gli offre dei soldi ed arriva persino ad offrirgli ospitalità in casa sua, ma la risposta è sempre uguale,”preferirei di no”.
    Nonostante tutti i tentativi di liberarsi di lui, Bartleby continua a dormire nell'anticamenra dello studio, ed a questo punto, pur di liberarsi di quella presenza destabilizzante, il proprietario informa Bartleby che lo studio verrà trasferito: stessa impassibilità. Trasferitosi nel nuovo ufficio, il legale pensa di essere finalmente riuscito ad eliminare il problema, quando viene informato dai nuovi inquilini che Bartleby, impermeabile a tutte le esortazioni, ha continuato a dormire nello studio ed a quel punto viene fatto arrestare per vagabondaggio e condotto in prigione.
    L'avvocato vi si reca e lo trova nel cortiletto interno, in piedi, con il viso rivolto al muro, lo scrivano gli dice che sa chi è ma che non ha niente da dirgli.
    Invano il datore di lavoro cerca di alleviargli la vita, va in visita, arriva ad offrire dei soldi ad un secondino perchè gli diano un vitto decente, ma Bartleby non parla, non disturba e si rifiuta di mangiare; l'avvocato si reca in prigione un'ultima volta e lo trova rannicchiato sull'erba del cortile, in posizione fetale, apparentemente addormentato; non è così, Bartleby non è più ed ha portato via con sé la propria solitudine.

    Questo racconto per me è un piccolo capolavoro. Melville, noto per il suo molto più famoso Moby Dick, ha saputo congegnare una storia in cui il lettore viene esponenzialmente coinvolto nel seguire la vicenda in cui succedono poi pochissimi fatti. È proprio qui la sua bravura, mantenere questa tensione emotiva nei confronti di un essere umano apparentemente squallido che lascia scivolare da sé la vita senza atteggiarsi avittima, senza chiedere aiuto. Un agghiacciante esempio di incomunicabilità umana, che afferra alla gola e lascia sconcertati e commossi
    Negli anni 2000 il racconto è stato oggetto di varie riedizioni e rappresentazioni teatrali.
    Serena Dandini ne ha fatto un audiolibro. Per chi fosse interessato a leggerlo (sono circa 16pagine) esistono sul web un paio di versioni i PDF scaricabili.
    Spiacente, ma non sono riuscita a copiare la copertina
    Ultima modifica di themonster; 04-04-2013 alle 09: 51

  2. #2
    Supermoderatore - Moderatore Nuovi Utenti
    Points: 61,769, Level: 35
    Level completed: 67%, Points required for next Level: 1,181
    Overall activity: 71.0%
    Achievements:
    SocialOverdriveVeteranCreated Album picturesTagger First Class
    L'avatar di BostonCeltics
    Data Registrazione
    Jan 2009
    Genere
    Maschio
    Messaggi
    26,762
    Punteggio
    61,769
    Livello
    35
    Credits
    21
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    263
    Ringraziato 456 Volte in 389 Post
    La trama mi pare interessante, grazie del suggerimento.
    -BostonCREDITS-

  3. #3
    Utente bannato
    Points: 298, Level: 2
    Level completed: 74%, Points required for next Level: 52
    Overall activity: 4.0%
    Achievements:
    3 months registered250 Experience Points

    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    27
    Punteggio
    298
    Livello
    2
    Credits
    1,740
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    1
    Ringraziato 2 Volte in 2 Post
    una mia amica mi ha parlato molto bene di questo libro, per non dire che è stata troppo entusiasta! Stavolta vediamo se passo a prenderlo in libreria!

  4. Questi utenti ringraziano Federico Romano per l'utile contributo

    nonnamancata (03-04-2013)

  5. #4
    Moderatrice Salottino
    Points: 1,552, Level: 6
    Level completed: 1%, Points required for next Level: 598
    Overall activity: 41.0%
    Achievements:
    Overdrive3 months registeredCreated Album pictures1000 Experience Points
    L'avatar di nonnamancata
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Genere
    Femmina
    Località
    siciliana di origine, abito nella bergamasca da circa 40 anni
    Messaggi
    3,301
    Punteggio
    1,552
    Livello
    6
    Credits
    18,177
    Depositati
    0
    Ringraziamenti
    358
    Ringraziato 360 Volte in 285 Post
    Ti ringrazio, Federico. Come ho già scritto, se vuoi ci sono su Internet delle versioni in PDF da scaricare. Purtroppo non sono riuscita ad eliminare alcuni errori di battitura non avendo fra le mie opzioni il tasto modifica messaggio

Articoli consigliati
Permessi di Scrittura
  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •