Visualizza Feed RSS

3L3N4

Lo sviluppo dell’intelligenza tra stimoli ed esperienza

Valuta Questa Inserzione
Di , 18-01-2009 alle 02: 36 (404 Visite)
Lo sviluppo cognitivo comincia sin dalla nascita e si forma dall’interazione che l’individuo ha con il suo ambiente, in questo modo vi sono degli scambi mediati tra il soggetto e gli oggetti circostanti che permettono di assimilare l’esperienza. Per capire come avviene tale sviluppo è necessario partire dal concetto di “condotta” il cui significato implica l’azione che è attivata da un bisogno di partenza e si incontra con il suo ambiente per trovare un soddisfacimento; il neonato per esempio spinto dal bisogno di fame fa la sua richiesta attraverso la sua modalità comunicativa del pianto e incontra l’oggetto ambientale ossia il seno materno che lo porta a soddisfare il suo bisogno, lo scambio tra organismo e ambiente è chiamato “scambio funzionale”. Piaget cerca di dare una spiegazione all’intelligenza considerandola un adattamento inteso in termini di equilibrio tra organismo e ambiente, per cui l’organismo agisce sull’ambiente incorporando e assimilando l’esperienza. L’ambiente a sua volta, influisce sull’organismo e sugli schemi mentali prestrutturati e li modifica riadattandoli alla nuova esperienza. Lo schema mentale si arricchisce di nuove informazioni ed esperienze e attraverso il processo di accomodamento si modifica in seguito a strategie fondamentali create dalle nuove esperienze. Il bambino ha un ruolo attivo nella sua esperienza di vita e i suoi schemi mentali si modificano e si organizzano in maniera più complessa durante l’arco della sua esistenza. Il processo di apprendimento e di assimilazione è graduale e il pensiero del bambino si struttura cominciando da uno stadio sensomotorio che va dalla nascita ai due anni in cui il la sua azione è guidata dal sistema sensoriale, per esempio attraverso il contatto tattile con gli oggetti e da qui gradualmente attarversa altri passaggi fondamentali che gli permette di costruire schemi mentali sempre più complessi che dalla sperimentazione nell’ambiente giunge a una rappresentazione mentale astratta di ciò che lo circonda. Il processo di crescita intellettiva dell’individuo è graduale e continuo ecco perchè è fondamentale offrire un ambiente ricco di stimoli e considerare il bambino fin dalla nascita un essere attivo e capace di sperimentare e apprendere l’esperienza di vita.

Dott.ssa Marialba Albisinni

Invia "Lo sviluppo dell’intelligenza tra stimoli ed esperienza" a Facebook Invia "Lo sviluppo dell’intelligenza tra stimoli ed esperienza" a Twitter Invia "Lo sviluppo dell’intelligenza tra stimoli ed esperienza" a Google

Commenti