Visualizza Feed RSS

L'oblio sul caos

Quello che i vostri figli non dicono

Valuta Questa Inserzione
Di , 02-02-2011 alle 12: 49 (869 Visite)
Siamo solo noi
5 parte


Ogni mattina è uguale all'altra. Tipo quel film “Deja-vù” .
Solita, imbarazzante, noiosa, pericolosamente monotona quotidianità.
Che brutta parola, tant'è che mi tocca scriverla controllando il T9 del mio cellulare. La sbaglio sempre. Sarà perchè provo astio per la Q?
Ricordo alle elementari ci facevano fare esercizi grammaticali del tipo: “inserisci le DOPPIE”. Tra le centinaia di frasi ovvie come “marco è andato a scuola in bici” c'era sempre qualche infame parola che nessuno usa più, come : SOQQUADRO.
Adesso, non per esser cattiva, ma in fatto d'estetica questo termine mi lascia alquanto perplessa.
Naturalmente lo sbagliavo sempre.
Una volta, nemmeno tanto tempo fa, un tizio che stava in classe con me scrisse, rigonfio di se stesso, la parola SCUOLA con la Q.
Ora, ok che la lingua italiana è una delle più difficili, ma *****! Scuola con la q?
E non è finita qui, perché non basta. Ci vuole un : “Prof. È andata male?”
Ma dai?
Concluso questo esempio ci tengo a precisare che non tutti i giovano sono ignoranti. Ce ne son tanti che sanno scrivere scuola nel modo corretto e alcuni sanno anche contare.
Ormai siam tutti colti. C'è il web che grazie a programmi intelligibili e avanzati riesce a fornirti notizie che, son certa, nemmeno l'uomo più colto del mondo sa'! Ameno ché tu non abbia la sua amicizia. Si, esatto, sto parlando di Facebook. Il più importante social network del mondo, dove ormai trovi chiunque, anche i defunti.
I medium e i sensitivi stanno vivendo un periodo di forte crisi. Ora non servono più. Ora c'è Facebook.
Tramite questo avanzatissimo ed utilissimo metodo di comunicazione puoi mandare “una notifica” nell'aldilà. Il tutto comodamente da casa tua. Ecco spiegato il motivo per cui le preghiere non son più di moda.
Facebook rappresenta inoltre il perfetto ideale di privacy.
Ebbene si. Avete presenti quei link dove c'è scritto: “odio chi non si fa i cazzi propri” o “Nella mia città tutti sanno tutto di tutti” ? Bene. Ora c'è da chiedersi se davvero abbiamo tutti capito che cos'è Facebook. A mio parere pubblicare qualsiasi cosa sul proprio profilo equivale a mettere in una piazza, dove ci son minimo il n dei propri presunti “amici”, ciò che si è pubblicato. Allora che significato ha reclamare privacy su Facebook ? E' come pisciare nella fontana di Trevi. Se centinaia di cinesi ti fotografano non puoi prendertela con loro.
Ormai il vecchio detto “il buongiorno si vede dal mattino” ha lasciato posto alla tecnologia assumendo in sé le caratteristiche dell'era moderna divenendo: “il buongiorno si vede dalle notifiche”.
E poi ci si stupisce se tutti sanno quante volte al giorno cachi. Mah... 0.0

Ormai Facebook è divenuto persino un mezzo d'indagine, nonché colpevole diretto di tragedie .
E' sparita una ragazzina da una settimana. E l'ovvia conseguenza è rappresentata dalle domande dei mass media: “sarà omicidio?”, “sequestro?” o “Facebook?”
E su questo stendo un velo pietoso.

Mariagrazia Zingaro

Invia "Quello che i vostri figli non dicono" a Facebook Invia "Quello che i vostri figli non dicono" a Twitter Invia "Quello che i vostri figli non dicono" a Google

Categorie
Non Categorizzato

Commenti

  1. L'avatar di Haplo
    wow MG, ma sai che se fosse un libro l'arei già comprato e l'avrei divorato?
    Non azzardarti a smettere di scrivere capito????????
  2. L'avatar di Mariagrazia1991
    sai che voglio farne un libro? è il mio secondo progetto editoriale Grazie maz =)