L'articolo che segue evidenzia come ci siano già in atto accordi (sottobanco) tra le Major e gli ISP (in questo caso Irlandesi) per la sorveglianza dei dati che scorrono in rete, il blocco di applicazioni e siti "indesiderati" ed il degrado e/o la sospensione delle connessioni internet in barba ai diritti degli utenti e alle normative vigenti nazionali ed internazionali

Non è difficile supporre che tali accordi siano in corso di definizione o già "attivi" ANCHE in altri paesi come il nostro (prova ne è il fatto che nell'ultimo mese in italia ed in altri paesi vengono rendirizzate agli utenti degli avvisi dai Provider per conto della Sony su "presunte" violazioni di Copyright, provata a fare una ricerca su google con la prima riga della lettera I am writing this letter on behalf of SPE Acquisitions, Inc., ("SPEA") a Sony Pictures Entertainment company) quindi dobbiamo aspettarci che anche il Pacchetto Telecom in discussione in Europa subirà un forte "attacco" nei prossimi mesi specialmente sul rispetto del principio della "mere counduit" (puro trasporto) e sull'emendamento 138 (di cui si parla anche in questo articolo) che stabilisce che non ci possono essere sanzioni agli utenti se non vi è stata una decisione del tribunale.

Rimanete con occhi e orecchie aperte perchè questa che sembra una battaglia "contro" i condivisori illegali di opere protette ha un valenza ben più grande perchè rischia di farci perdere quella libertà di informazione e possibilità di sviluppo che la rete ci mette a disposizione ponendo le basi per il sogno dei più grandi dittatori di sempre, il monopolio dell'informazione e dell'economia globale.


Eircom: Sorvegliare Internet mediante Supporto Tecnico
Scritto da Monica Horten - Ago 13, 2009

A seguito dell'accordo dei 3 strikes tra Ericom e l'industria musicale Irlandese, Eircom sanzionerà i propri clienti, ed lo Staff di Supporto Tecnico si occuperà delle denuncie degli utenti.
Le prossime mosse dell'industria musicale irlandese, saranno azioni legali per far bloccare Pirate Bay - senza opposizione da parte dei provider.
Se questo non è bullismo legale con quale altro nome si può definire?
E cosa sono i 'controlli necessari' sulle società di sorveglianza IT, per i titolari dei diritti?


Dettagli di un accordo tra l'industria musicale irlandese il provider Eircom, sono emersi in un documento trapelato.
Si tratta di un accordo privato, per la risposta graduata / 3-strikes contro gli utenti di Internet, senza alcuna autorità pubblica o tribunale coinvolto.
Il supporto tecnico di Eircom si occuperà delle denuncie degli utenti.
Eircom arbitrerà sulle "involontarie" violazioni di copyright.

Tutto ciò solleva molti nuovi interrogativi sulla misura dei 3-strikes e la pressione che le industrie del diritto d'autore stanno mettendo sugli ISP.

Eircom non si opporrà alle istanze del tribunale, su richiesta dell'industria musicale irlandese, di forzare il blocco su The Pirate Bay (ed altri - vedi sotto).
Ciò ha gravi conseguenze, perché comporta l'uso di tecnologie di filtraggio della rete ed è a tutti gli effetti una censura a sostegno del diritto d'autore.

I dettagli del documento sono stati pubblicati dal sito di news p2p TorrentFreak, anche se l'intero documento non è stato rilasciato.
Il documento si riferisce ad un accordo tra Eircom e IRMA, l'Irish Recorded Music Association (cioè le quattro principali case discografiche di produzione/distribuzione, EMI, Warner, Sony e Universal, comunemente chiamate le "4 major labels'").
L'IRMA l'irlandese è membro dell'International recorded music industry association conosciuta come IFPI.

Secondo TorrentFreak, il documento illustra i 'Punti chiave del progetto di protocollo' che Eircom deve seguire.

Eircom avvertirà e quindi scollegherà i propri clienti sulla base del fatto che vi è stata una denuncia di violazione del copyright da parte dei distributori di musica.
Non ci sarà una verifica indipendente delle accuse.

Eircom ha chiesto che le aziende IT che dovranno fornire gli indirizzi IP (la prova) siano soggette alle 'necessarie misure di controllo'.

Ciò solleva la questione - quali sono i 'controlli necessari' di una società IT che ha carta bianca per sanzionare gli utenti di Internet?

Eircom dice che i clienti hanno il diritto di reclamare e i reclami saranno trattati dal proprio team di supporto per la banda larga.
Ciò implica che al team di supporto tecnico verrà chiesto di trattare questioni legali, che potrebbero tradursi in sanzioni nei confronti del privato querelante.
Ci sono evidenti questioni relative alla formazione e all'adeguatezza.

Eircom farà sì che ogni 'involontaria' infrazione possa essere sanata.

Ma come farà un membro del team di supporto tecnico a determinare i diritti e le colpe in una questione giuridica?
Tuttavia, mi sovviene che c'è anche un'altro problema.
Dove si trova il call center?
Se Eircom fa quello che fanno gli isp del Regno Unito e mette i suoi call center all'estero poi vi saranno altre implicazioni quindi ritorneremo a questa domanda in un articolo futuro.

E 'importante ricordare che si tratta di un accordo privato tra due organizzazioni commerciali, studiato a porte chiuse - ma che ha importanti implicazioni per il futuro di Internet e della Società dell'informazione.
E chiaro che una delle parti è stata messa sotto pressione dall'alltra parte per acconsentire o ulteriori costose azioni legali sarebbero seguote.
Sebbene tecnicamente ciò non crea un precedente legale - di cui i provider sarebbero contenti - potrebbe anche prefigurarlo in effetti, perché l'industria musicale continuerà ad usarlo come un bastone per battere gli altri ISP.

Certo, sarebbe in violazione dell'Emendamento 138 del Pacchetto Telecom dell'EU, che stabilisce che l'utente non può essere sanzionato senza una previa decisione del tribunale.
Si ritiene anche che le misure di ostruzione dell'IRMA, bloccando l'accesso a servizi e applicazioni web (le "misure tecniche" del governo del Regno Unito), rappresentino un'"interferenza" con i diritti fondamentali degli utenti e quindi anche una violazione dell'Emendamento 138.

Leggi tutti i dettagli dell'accardo privato IRMA / Eircom TorrentFreak

Se non avete familiarità con il Telecom Package dell'UE Pacchetto e con l'emendamento 138, puoi leggere il mia ampio reportage su questo sito. (http://www.iptegrity.com/index.php?o...d=35&Itemid=62)

Ulteriori informazioni:

La lettera inviata dall'avvocato dell'IRMA, Sheehy Donnelly, rende chiara la tattica del settore musicale internazionale.
E 'stata inviata al Blacknight Internet Solutions Limited, una società di web hosting, minacciandoli che se non seguiranno le misure dei 3-strikes dell'Eircom dovranno affrontare un'azione legale che, secondo l'industria musicale, hanno poche probabilità di vincere.
Il fatto di non riuscire a capire la differenza tra Web-host e Provider, indica che tutte le società che fanno business sul web potrebbero essere di fronte a questo tipo di minaccia.

E 'falsa l'interpretazione data alla "direttiva sul commercio elettronico", la disposizione della "mere conduit" (semplice trasporto), perchè non è stata voluta come mezzo di difesa contro i diritti d'autore, ma come una condizione necessaria e di adeguata protezione per tutti gli utenti della rete.
In base a questa interpretazione, i titolari dei diritti sostengono che le legge (la Direttiva sul commercio elettronico e la Direttiva sul diritto d'autore prese insieme) consentano loro di portare avanti un provvedimento d'urgenza al fine di ottenere un ordine del tribunale per le misure dei 3-strikes.

Si tratta di una distorsione dell'interpretazione della legge.
La legge prevede per loro di poter adottare ingiunzioni contro le terze parti, ma l'intento è di ottenere informazioni per specifiche azioni legali, o di ottenere una tantum, la copia illecita reperita dai siti web.
L'intento della legge è di non implementare sanzioni contro la massa di milioni di utenti.

E 'evidente da questa lettera che The Pirate Bay sarebbe solo il primo sito peer-to-peer che si cerca di bloccare - siti "simili', indica che altri ne seguiranno.


Questo articolo è sotto licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Regno Unito: Inghilterra e Galles License. http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/uk/

Articolo Originale: http://www.iptegrity.com/index.php?o...d=382&Itemid=9
Traduzione a cura di Scambioetico.eu