Unicredit: aumento di capitale iniziato


unicredit

Al via l’aumento di capitale da 7,5 miliardi per UniCredit, dopo il crollo delle quotazioni nelle ultime sedute della scorsa settimana, anche se alcune riconducibili a probabili operazioni degli stessi soci, che hanno venduto in via anticipata le azioni, per poi riacquistarle in sede di aumento, confidando su un ribasso delle quotazioni.

Con l’avvio delle negoziazioni dei diritti di opzione, in base al quale ad ogni azione ne sono assegnati due, e che attribuiscono il diritto di sottoscrivere titoli ordinari al prezzo di 1,943 euro ognuno, UniCredit ripartirà da un prezzo rettificato da 2,62 euro per azione.

Certamente è difficile fare previsioni: tra coloro hanno assicurato la sottoscrizione, si ha la certezza di soci che rappresentano il 14% del capitale, ed inoltre UniCredit è fiduciosa che un altro 10% di grandi azionisti aderirà all’operazione di aumento.

Quindi le sottoscrizioni che sembrano già sicure, rappresentano circa il 24% del capitale, circa 1,8 miliardi, mentre restano altri 5,7 miliardi da raccogliere sul mercato.

Bofa Merrill Lynch e Mediobanca, che si occupano di coordinare il consorzio di garanzia dell’aumento, sono infatti alla ricerca di qualche importante investitore.

Nel frattempo nel consiglio della banca entrerà un nuovo rappresentante di Allianz, Helga Jung, che sostiutuisce Tommaso Enrico Cucchiani, che è diventato consigliere delegato di Intesa-Sanpaolo.

Continua: Unicredit: aumento di capitale con Monte dei Paschi