Scontrini e ricevute fiscali detraibili dalle tasse

scontrini-detraibiliSi potranno scaricare dalla dichiarazione dei redditi gli scontrini e le ricevute delle spese effettuate, da quelle per il dentista, a quelle per l’oculista, fino ad arrivare a quelle per il meccanico: debutto anche in Italia del cosiddetto contrasto di interessi, già molto in voga in diversi paesi esteri.

Lo scopo evidente dell’introduzione del contrasto di interessi è quello di far emergere il “nero.

Oggi infatti non c’è nessun vantaggio nel richiedere uno scontrino o una ricevuta fiscale nel momento in cui si paga un bene o un servizio.

Ma tramite l’introduzione del nuovo principio tutto cambierà, in quanto gli scontrini acquisteranno valore e se presentati allo Stato, si trasformeranno in sconti sulle tasse da pagare.

Tutti i cittadini italiani avranno quindi un notevole vantaggio nel richiedere espressamente scontrini e ricevute fiscali.

Il sistema è attivo già in diversi paesi del mondo, come ad esempio negli Stati Uniti, dove è ormai da parecchio tempo che i consumatori fanno sempre richiesta delle ricevute per poterle scaricare dalle tasse.

Addirittura in Brasile, a San Paolo, sugli scontrini fiscali c’è una sorta di “Gratta e Vinci” con ricchi premi per i consumatori: un motivo in più per richiederlo.

Entro Natale, salvo imprevisti, è prevista l’approvazione della nuova norma fiscale.

 

Borsa
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica