Rumore sul lavoro: rapporto 2011


rumore sul lavoro

Il rumore ecccessivo sul posto di lavoro è causa sempre più di malattie che finiscono con il danneggiare l’udito.

Nel 2011 tra le malattie professionali denunciate dai lavoratori, sono stati 5.636 i casi di ipoacusia da rumore, ossia la sordità bilaterale che deriva dalla continua esposizione al rumore.

Un dato che risulta in diminuzione del 9,1% rispetto al 2010, e del 12,3% rispetto al 2007, secondo i dati resi noti da Francesca Marracino, della consulenza statistico attuariale dell’Inail.

Il comparto dove si sono registrati più casi di ipoacusia da rumore è quello dell’industria e dei servizi, precisamente 4.992 casi, in calo rispetto al 2010 quando i casi registrati furono 5.584.

A seguire il settore agricolo con 615 casi, settore che evidenzia un dato in netta crescita: nel 2007 erano 277 i casi di ipoacusia da rumore, quindi ad oggi più che raddoppiati.

Da punto di vista territoriale, in vetta alla classifica c’è la Lombardia, seguita dall’Abruzzo, mentre sul gradino più basso del podio si trova la Toscana. Ultima la Valle D’Aosta.

L’Abruzzo è la regione dove registra il più alto incremento di casi di ipoacusia da rumore negli ultimi cinque anni: si è passati dai 460 casi del 2007 ai 630 del 2011, con una crescita del 37%.

Continua: Sospensione del rapporto di lavoro