Raccolta fondi torna a crescere a marzo

 Raccolta fondi tornano a crescere a marzo

La raccolta dell’industria del risparmio gestito torna a crescere a marzo a quota 11,4 miliardi di euro rispetto ai 9 miliardi di euro del precedente mese di febbraio. Complessivamente nel primo trimestre raggiunge i 26,6 miliardi di euro. È quanto contenuto nel consueto rapporto mensile di Assogestioni.

Fondi aperti

I fondi aperti hanno registrato flussi netti per 7,1 miliardi a fronte dei 4,5 miliardi del mese di febbraio, per un ammontare totale nei primi tre mesi dell’anno a quota 12,9 miliardi di euro.

Le gestioni di portafoglio hanno registrato una raccolta di 4,3 miliardi di euro, in lieve calo dai 4,5 miliardi di febbraio. Nel primo trimestre raggiungono i 13,7 miliardi di euro.

Il patrimonio gestito ha raggiunto un nuovo livello record di 1.854 miliardi di euro.

Per quanto riguarda le singole categorie dei fondi aperti, da segnalare la raccolta degli azionari  a 747 milioni di euro, in crescita dai 604 milioni di febbraio ed a quota 1,6 miliardi nel primo trimestre.

I bilanciati sono tornati ad attrarre la clientela a marzo, con una raccolta di 454 milioni dal rosso di 53 milioni di febbraio.

Infine i fondi flessibili, in crescita a 1,48 miliardi rispetto al miliardo di febbraio, e i fondi monetari, in flessione a 2,4 miliardi dai 3,3 miliardi del mese precedente.

Società di gestione

Con riferimento alle singole società di gestione, davanti a tutti il gruppo Generali con una raccolta di 2,7 miliardi di euro, seguito da Intesa Sanpalo con 2,59 miliardi di euro.

Gradino più basso del podio per Pioneer (Unicredit ) con 890 milioni di euro.

A seguire il gruppo Ubi con 885 milioni di euro di raccolta.

Da segnalare, tra gli altri, Jp Morgan Asset Management con 509 milioni di euro, Anima con 500 milioni e Poste italiane con 484 milioni di euro.

Finanza
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica