Povertà a rischio un italiano su quattro

 Povertà a rischio un italiano su quattro

Più di una persona su quattro è a rischio povertà o esclusione sociale. È quanto rilevato dall’Istat: è il 28,3 per cento dei residenti in Italia.

Povertà in Italia

Con riferimento ai dati riferiti al 2014, sono stimate al 19,4 per cento le persone a rischio, all’11,6 per cento quelle che vivono in nuclei familiari pesantemente deprivate, e al 12,1 per cento dove l’intensità lavorativa è bassa.

Scende comunque la grave deprivazione. Gli individui che non possono permettersi un idoneo pasto proteico ogni due giorni cala dal 13,9 per cento al 12,6 per cento, una settimana di ferie all’anno dal 51,0 per cento al 49,5 per cento e una spesa imprevista di 800 euro dal 40,2 per cento al 38,8 per cento.

Le stime sulla grave deprivazione risultano in calo anche nel Mezzogiorno, soprattutto tra i single, le coppie e i coniugi con un solo figlio.

Redditi famiglie

Con riferimento al fronte dei redditi, i dati riferiti al 2013 evidenziano  che la metà delle famiglie residenti in Italia ha percepito una retribuzione netta non superiore a 24.310 euro l’anno, ovvero in media 2.026 euro al mese.

Un dato che scende a 20.188 euro nel Sud, pari a circa 1.682 euro mensili.

È stato calcolato che il 20 per cento delle famiglie più ricche residenti in Italia percepisce il 37,5 per cento del reddito totale, mentre il 20 per cento più povero riceve solo il 7,7 per cento.

Borsa
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica