Peugeot licenzia 8.000 dipendenti

Peugeot

Il Gruppo PSA Peugeot Citroen ha comunicato tagli per 8.000 posti di lavoro in Francia, e la chiusura dello stabilimento di assemblaggio di Aulnay, dove sono impiegati oltre 3.000 lavoratori.

Il motivo dei licenziamenti è la difficile situazione del mercato europeo dell’auto, che ha provocato ingenti perdite per la divisione automotive della casa automobilistica francese.

Proprio qualche giorno fa Peugeot aveva annunciato il crollo delle vendite del 13% nel primo semestre dell’anno, e come conseguenza, la riduzione della propria quota di mercato in Europa.

Il governo francese sta cercando delle soluzioni per evitare la chiusura dello stabilimento automobilistico di Aulnay-sous-Bois, anche se secondo le ultime indiscrezioni, il piano di tagli sarebbe stato “posticipato” su richiesta dell’ex presidente Nicolas Sarkozy.

E’ quello che si è chiesto l’attuale ministro del Lavoro francese, Michel Sapin “Perché non sono state annunciate quattro, cinque o sei mesi fa?”.

Lo stabilimento PSA Peugeot Citroen di Aulnay-sous-Bois, conta ad oggi 3.400 persone, di cui 3.100 a tempo indeterminato, e produce la Citroen C3.

L’amministratore delegato del gruppo automobilistico, Philippe Varin, ha voluto spiegare i motivi:

“La profondità e la persistenza della crisi che influenza il nostro business in Europa, ha reso questo progetto di riorganizzazione indispensabile per allineare la nostra capacità produttiva con le prevedibili tendenze del mercato”.

Borsa
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica