Permessi lavorativi per lavoratori disabili


disabili lavoratori

La Legge che disciplina i permessi lavorativi in caso di disabilità è la numero 104/1992: sia i familiari di persone disabili che i lavoratori disabili nel corso dell’attività lavorativa, possono usufruire di più ampi permessi lavorativi.

Per quanto riguarda i familiari di disabili da assistere, potranno godere di 3 giorni di permesso mensile retribuito:

  • Il genitore;
  • Il coniuge;
  • Il parente di secondo grado;
  • I parenti di terzo grado, in mancanza di genitori o coniuge della persona disabile, o nel caso i genitori o il coniuge abbiano oltrepassato i 65 anni di età o risultano affetti da gravi patologie;
  • Il lavoratore disabile.

Da osservare che il presupposto per la concessione dei permessi giornalieri è che la persona disabile deve essere affetta da handicap grave e non deve essere ricoverata presso centri o istituti specializzati.

La persona disabile lavoratrice dipendente, alla quale è stata riconosciuta una condizione di handicap grave, può usufruire di permessi giornalieri orari, corrispondenti a due ore al giorno, oppure a dei permessi mensili, fino a tre al mese.

I permessi sono retribuiti, ma non sono tra loro cumulabili e la base della loro scelta è mensile: il lavoratore può in un mese far uso di tre giorni di permesso e nel mese successivo delle due ore giornaliere, ma non può accumulare nello stesso mese i tre giorni e le due ore.

Continua: Cosa fare con le ferie e permessi non goduti





Lascia una risposta