Patto di prova Contratto di lavoro


unclesamIl patto di prova e’ disciplinato dall’art. 2096 del Codice Civile, ed e’ un patto con il quale le parti di un contratto di lavoro subordinato si impegnano ad un periodo sperimentale di lavoro al fine di consentire una miglior valutazione riguardo la convenienza reciproca di un eventuale rapporto di lavoro definitivo.

Solitamente stipulato a favore del datore di lavoro per mettere alla prova le effettive capacita’ dell’eventuale futuro lavoratore subordinato, puo’ comunque favorire quest’ultimo nell’accertare la situazione del posto di lavoro in cui deve prestare la sua attivita’ lavorativa.

Patto assolutamente precario, non puo’ essere stipulato per un periodo maggiore da quelli previsti dalla disciplina sindacale (comunque non superiore a 6 mesi).

Entrambe le parti possono recedere dal contratto senza obbligo di preavviso: l’unico limite a tale disciplina e l’eventuale limite minimo di durata.

La forma del contratto deve risultare per atto scritto , precedente o contestuale all’assunzione in prova.

Il lavoratore viene assunto definitivamente dal momento in cui le parti non recedono dal contratto prima della scadenza. In caso contrario al lavoratore spettano i diritti relativi alle prestazioni gia’ svolte.

Continua: Il patto sociale nel mercato del lavoro