Monte dei Paschi perdita esercizio 2013


Monte dei Paschi perdita esercizio 2013

Monte dei Paschi di Siena chiude l’esercizio 2013 con un rosso di quasi un miliardo e mezzo di euro, superiore alle attese degli analisti.

Per Mps sono 2,75 miliardi di euro le rettifiche sui crediti mentre il tasso di copertura delle sofferenze è risultato pari al 58,8%.

A fine 2013 il gruppo senese ha registrato un’esposizione netta per crediti deteriorati pari a circa 21 miliardi di euro, con un incremento di 3,6 miliardi di euro rispetto al 2012.

Le sofferenze crescono invece del 21,7% ed i crediti ristrutturati del 20,4%.

Il risultato di Mps nell’anno 2013 risulta in rosso di 1,439 miliardi di euro, in calo rispetto al passivo di oltre 3 miliardi dell’esercizio 2012.

Il margine di interesse è sceso del 23,9% a 2.153,4 milioni di euro, come anche gli oneri operativi, in flessione del 12,7% a 2.811,5 milioni di euro.

Il core tier1 della banca è salito al 10%, dall’8,9% registrato al 31 dicembre 2012.

Rinnovato l’accordo con il gruppo di banche ( Citigroup, Goldman Sachs, Mediobanca, Barclays, BofA Merrill Lynch, Commerzbank, JP Morgan, Morgan Stanley e SocGen) per la sottoscrizione dell’aumento di capitale da 3 miliardi di euro che verrà eseguito dopo il mese di maggio 2014.

Continua: Banco Popolare perdita esercizio 2013