Mediaset bocciata da Credit Suisse

Autore:
Filomena Spisso
  • Autore - Laurea in scienze politiche

mediasetIl titolo Mediaset perde all’ora di pranzo oltre un punto percentuale, quotato a 2.53 euro, dopo che è arrivata la bocciatura da parte di Credit Suisse. Infatti il target price sul titolo Mediaset è stato abbassato da 3,6 a 2 euro da parte degli analisti dell’istituto svizzero.

Il motivo di questo taglio, è una conseguenza della riduzione delle stime dell’utile per azione: Mediaset, secondo Credit Suisse, soffre l’incremento della concorrenza nel settore delle pay tv, e ciò renderà molto difficile raggiungere gli obiettivi che il Gruppo Mediaset aveva prefissato.

Inoltre sono anche da considerare le previsione negative, relative al mercato pubblicitario, il cui andamento è visto ancora al ribasso: si stima una riduzione del 5% dei ricavi per quanto concerne il terzo trimestre del 2011.

Anche gli utili del gruppo, come già anticipato, si prevedono in ribasso, anche causa la eccessiva esposizione del gruppo del Biscione, nel mercato pubblicitario spagnolo, dovuta alla partecipazione relativa a Mediaset Espana.

Infatti, anche gli analisti di Equita hanno deciso di ridurre le previsioni per quanto riguarda la raccolta del 2011, relativa a Mediaset Espana, di altri 2 punti percentuali, passando da -7% a -9%, ed hanno anche tagliato le stime di Ebit del 13% a 166 milioni di euro.

Nel breve periodo sono previste discrete  notizie per Mediaset, in quanto gli analisti di Goldman Sachs, hanno deciso di alzare il target price da 2.32 a 2,38 euro, ma nel contempo hanno ridotto le stime di Eps 2011 della partecipata Mediaset Espana da 0,44 a 0,43 euro, e quelle relativo all’anno 2012, da 0,40 a 0,35 euro.