L'Espresso crollo utile esercizio 2012


rincari 2013

Il gruppo L’Espresso della famiglia De Benedetti ha archiviato il 2012 con un utile netto di 21,8 milioni di euro, in flessione del 64% rispetto al precedente esercizio.

Si tratta di un calo superiore alle previsioni degli analisti.

Il fatturato è sceso dell’8,7% a 812,7 milioni di euro, con i ricavi da diffusione calati del 3,7% a 261,5 milioni di euro, mentre quelli da pubblicità diminuiti del 10,9% a 476,3 milioni di euro.

In conseguenza di questi risultati, il consiglio di amministrazione proporrà all’assemblea degli azionisti di non distribuire dividendi e di destinare l’utile a riserva.

Il margine operativo lordo del gruppo è calato del 35,9% a 102,4 milioni di euro, mentre il risultato operativo è diminuito del 50,7% a 60,4 milioni di euro.

La posizione finanziaria netta al 31 dicembre è migliorata a -108,1 milioni di euro rispetto ai -110,2 milioni della fine del 2011.

Le stime per il 2013 non prevedono una variazione del trend per il gruppo editoriale, con i primi due mesi dell’anno che non hanno fatto registrare nessun miglioramento.

Di conseguenza la contrazione dei risultati è prevista perdurare per l’intero 2013, e per tale motivo seguiranno azioni “più incisive” di riduzione dei costi.

Continua: L'Espresso utile primi nove mesi 2014





Lascia una risposta