La crisi cambierà la abitudini per sempre

La crisi cambierà la abitudini future

La crisi ha cambiato in maniera definitiva le abitudini dei consumatori in tutta Europa e secondo una indagine condotta da Nielsen, modificherà anche quelle future.

Una volta che la recessione avrà abbandonato il Vecchio Continente, le abitudini dei consumatori europei non torneranno a essere più quelle di prima.

Un periodo di difficoltà ha insegnato alle famiglie a ridurre gli sprechi.  In base al rapporto trimestrale condotto da Nielsen, diversi i settori che difficilmente ritornereanno ai livelli pre-crisi.

Ad iniziare dall’automobile, dai pasti nei locali e dai vestiti firmati.

Ritorneranno invece ai livelli pre-crisi gli alcolici, le sigarette, le spese per vacanze e per i prodotti tecnologici.

L’auto rappresenta una delle maggiori voci di spesa per le famiglie e riuscire a tagliarla si traduce in elevati risparmi. In Europa circa il 23% dei soggetti continuerà a risparmiare su questo bene anche dopo la crisi.

La cucina casalinga continuerà ad essere preferita ai pasti nei locali dal 25% degli italiani anche dopo la crisi, con picchi che salgono al 40% in Grecia.

Infine capitolo vestiti firmati, che sembrano non andare più di moda, in quanto oggi si trovano prodotti di buon qualità a prezzo low cost. Anche dopo la fine della crisi, i cittadini europei continueranno a risparmiare su questa voce di spesa.

Finanza
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica