Inflazione 2015 ai minimi dal 1959

Filomena Spisso
  • Autore - Laurea in scienze politiche

 Inflazione 2015 ai minimi dal 1959

In base alle stime preliminari dell’Istat, l’inflazione al lordo dei tabacchi ha registrato nel mese di dicembre una variazione nulla rispetto al precedente e un incremento dello 0,1 per cento su dicembre 2014. L’inflazione nei dodici mesi ha chiuso con un +0,1 per cento, il tasso medio annuo più basso dal 1959.

Carrello della spesa

Per  quanto riguarda il cosiddetto “carrello della spesa”, da segnalare che i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona scendono dello 0,3 per cento in termini congiunturali e aumentano dello 0,9 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

L’Istat, entrando nel dettaglio, ha sottolineato che la crescita dei prezzi dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona salgono dello 0,9 per cento dal +0,6 per cento registrato nel mese di novembre.

I prezzi dei beni energetici non regolamentati registrano invece una flessione dell’8,8 per cento dal -11,2 per cento di novembre.

Per quanto riguarda invece i prezzi dei servizi relativi ai trasporti, passano in territorio negativo (-1,7 per cento), dal dato positivo (+0,6 per cento) di novembre.

Inflazione Area Euro

L’Eurostat ha nel frattempo reso noto che a dicembre il tasso d’inflazione annuale nell’area Euro è stato dello 0,2 per cento, valore stabile rispetto a novembre, e in rialzo dallo 0,1 per cento di ottobre.

I prezzi di alimentari, alcol e tabacco hanno registrato un tasso annuale in crescita dell’1,2 per cento, quelli dei servizi dell’1,1 per cento mentre quelli dell’energia un calo del 5,9 per cento.