Imu-Tasi acconto, si paga entro domani 16 giugno

Filomena Spisso
  • Autore - Laurea in scienze politiche

 Imu-Tasi acconto, si paga entro domani 16 giugno

Domani 16 giugno 2015 scade il termine per pagare l’acconto per Imu e Tasi. Si attende un esborso complessivo di circa 12 miliardi di euro. I contribuenti all’atto del pagamento dovranno tenere conto delle aliquote e delle detrazioni relative al 2014, sborsando il 50% del dovuto lo scorso anno se non è intervenuta alcuna variazione nel patrimonio immobiliare.

Il motivo di tale decisione è stato spiegato dal Ministero del Tesoro per permettere di semplificare gli adempimenti dei contribuenti,  in quanto non tutti i Comuni hanno pubblicato le nuove aliquote ed evitare così di creare confusione.

Ricordiamo che le nuove aliquote dovranno essere rese pubbliche entro il 28 ottobre e  sull’ammontare di queste sarà determinato il saldo da versare a dicembre. Utilizzando i parametri dell’anno scorso permetterà, dunque, di non sbagliare.

Occorre osservare che sulla prima casa si paga soltanto la Tasi. È infatti prevista l’esenzione dall’Imu per la prima casa per le abitazioni in cui il proprietario risulta essere residente e quelle assegnate all’ex coniuge (ad eccezione di immobili di lusso cat. A/1, A/8 e A/9). L’agevolazione ha valore anche per le pertinenze (cantine, soffitte, box, posti auto scoperti).

Confermata anche per il 2015, per la Tasi, l’aliquota base dell’1 per mille, una massima del 2,5 per mille e una eventuale maggiorazione stabilita dai Comuni fino ad un massimo dello 0,8 per mille.