Il piano pluriennale di investimento


 

L’adesione a un piano pluriennale di investimento

I recenti scossoni delle borse hanno reso i risparmiatori più circospetti nei confronti dell’investimento nei mercati finanziari. Certo, in queste situazioni diventa molto difficile prendere e assumere decisioni adeguate di investimento. La domanda è spontanea: conviene aumentare il peso delle azioni nel proprio portafoglio, approfittando di prezzi un po’ più bassi? Oppure è forse più opportuno attendere ancora per evitare di subire un’eventuale nuova correzione al ribasso? Può essere utile, in questo caso, sottoscrivere un piano pluriennale di investimento: esso altro non è che un programma di risparmio semplice e flessibile che, attraverso dei versamenti periodici di modesta entità (anche solo 50 euro), consente di accedere ai mercati finanziari in maniera efficace e graduale. Gli investimenti si realizzano, infatti, sia in fasi di rialzo che in fasi di ribasso, con l’effetto finale di mediare i prezzi di acquisto e ridurre il rischio di investimento.

 

Col piano pluriennale si evitano problemi di timing

Un piano pluriennale di investimento consente di evitare che l’emotività condizioni le scelte di investimento, permettendo di adottare un approccio per così dire “automatico”, che libera il risparmiatore dal problema delle scelte di timing (la scelta del momento più adatto per effettuare l’investimento) e gli consente di trasformare i ribassi delle borse in reali opportunità di acquisto. La conseguenza immediata di tutto ciò è senza dubbio l’ottenimento di un rendimento più stabile nel corso del tempo. Grazie proprio a questa flessibilità del piano pluriennale, è però possibile sfruttare anche le oscillazioni dei mercati stessi, andando a effettuare versamenti anticipati nel tempo o aumentando l’importo di essi nei momenti di ribasso (oppure, specularmente, sospendendo i versamenti nei momenti di eccessivo rialzo).

 

I diversi programmi di risparmio

I piani pluriennali di investimento possono essere rivolti ed essere lo strumento ideale anche per quei soggetti che desiderano accumulare un capitale nel tempo, con metodo e la giusta gradualità. Il versamento della rata periodica permette, infatti, di accantonare un capitale al fine di realizzare degli obiettivi specifici (ad esempio gli studi dei figli, le entrate periodiche a integrazione della pensione e molto altro…).

 

Le caratteristiche principali dei piani pluriennali di investimento

Elenchiamo brevemente quelle che sono le caratteristiche peculiari dei piani pluriennali: 1)possono essere aperti su moltissimi tipi di fondo e di capitale; 2)offrono la possibilità di avere una durata molto variabile, compresa tra i 3 e i 25 anni, la quale viene calcolata a partire dal versamento successivo al primo; 3)i versamenti effettuati tramite questo tipo di piano possono essere di vario tipo e durata (mensili, bimestrali, trimestrali, quadrimestrali, semestrali o anche annuali, a seconda delle esigenze del risparmiatore); 4)al momento dell’apertura del piano pluriennale, il sottoscrittore dello stesso effettua un versamento libero per un importo minimo pari a 50 euro (il numero dei versamenti totali è dato dalla somma tra le rate che sono state programmate e il primo versamento); 5)i piani pluriennali di investimento prevedono tra le loro opzioni una commissione pari all’1,5%, oltre che un diritto fisso per ogni versamento pari a 1 euro; 6)in ogni momento il sottoscrittore può effettuare dei versamenti anticipati; 7)vi è la possibilità di sospendere o addirittura interrompere in qualsiasi momento i piani pluriennali di investimento, senza che questo pregiudichi o comporti alcun onere aggiuntivo per quel che riguarda il sottoscrittore; 8)il sottoscrittore può anche modificare in ogni momento il piano pluriennale mediante varie operazioni (a.la variazione del fondo oggetto di investimento, b.la variazione dell’importo unitario della rata, c. la variazione della cadenza del versamento); 9)è infine spesso prevista la possibilità di sottoscrivere, congiuntamente al piano, una polizza assicurativa, la quale consente di assicurare il risparmiatore in caso di morte da infortunio o di invalidità permanente derivante da malattia o infortunio).

 

Come si evolve il piano pluriennale di investimento

Oltre al tradizionale piano pluriennale di investimento, ovvero quello che abbiamo appena descritto, esistono dei fondi che offrono anche piani diversi con vari servizi. Vediamoli insieme: A.esistono anzitutto i piani “multipli”, vale a dire quei piani che consentono di investire in contemporanea su più fondi (fino a un numero massimo di tre, solitamente); B.vi sono poi dei piani pluriennali che consentono di raddoppiare in controtendenza (in caso di ribassi del fondo, infatti, essi offrono la possibilità di incrementare il numero delle quote del fondo oggetto del piano, per un importo almeno pari al doppio dell’importo fissato come versamento unitario). La società maggiormente attiva in questa tipologia di investimenti è senza dubbio Eurizon Capital, la quale, attraverso il suo piano, offre un’esposizione progressiva e scaglionata nel tempo, anche nell’ambito dei mercati più volatili e offre la massima flessibilità per quel che riguarda diversi orizzonti temporali (il diritto fisso per ogni versamento sale a 2 euro nel caso dei fondi Eurizon del cosiddetto “Sistema Risposte”, ma molto interessanti sono anche i fondi appartenenti al Sistema Strategie di Investimento e al Sistema Mercato).

 

Simone Ricci

Continua: La gestione dei piani di accumulo (PAC)





Lascia una risposta