Gianluca Vacchi rischia il fallimento?


ginaluca-vacchi-debiti-finanza

Uno dei personaggi più controversi e decisamente in vista del panorama web potrebbe rischiare grosso, molto grosso.

Tra un video e una foto su Instagram, Gianluca Vacchi è anche un imprenditore capace di smuovere grossi capitali ma, allo stesso tempo e i fatti lo dimostrano, a creare grandi debiti.

I suoi guai finanziari non iniziano oggi ma, è notizia di oggi, che visto l’insolvenza delle sue società sono diventati esecutivi i primi pignoramenti: azioni, ville e yacht verranno pignorati per saldare gli ingenti debiti del fenomeno del web (per un valore di circa 10 milioni di euro).
I beni elencati verranno presi in consegna dal Banco Bpm, istituto di credito con il quale Gianluca Vacchi si era economicamente esposto.

ginaluca-vacchi-mare-barca

Uno degli esempi più famosi è sicuramente quella della  sua First Investments spa, di cui è amministratore unico: la società avrebbe un debito intorno ai 30 milioni di euro.

Guai seri insomma che vanno ad affiancarsi a quelli legati alla sua immagine: l’imprenditore nato a Bologna 50 anni fa, avrebbe commissionato l’acquisto di buona parte dei suoi 10,9 milioni di follower su Instagram ad una società inglese specializzata nel settore (esistono moltissime aziende che, tariffario alla mano, sono pronte a garantire pacchetti di amici e follower per qualsiasi social).

Altri guai finanziari per Gianluca Vacchi

Se i guai social sono solo fumo, quelli economici sono più seri e tangibili: l’imprenditore oltre ai 30 milioni di debito della sua società, avrebbe un’altro debito ingente con la Popolare di Vicenza.

ginaluca-vacchi-aereo

Vacchi avrebbe acquistato una villa a Porto Cervo con un mutuo da 6 milioni di euro, mutuo pagato, ad oggi, solo parzialmente

Anche il rapporto con il gruppo IMA holding di famiglia è decisamente particolare: la società pagherebbe a Vacchi ben 5 milioni l’anno per non interessarsi degli affari di famiglia.

Cosa rischia ora il re dei social degli imprenditori? La sua immagine come ne uscirà?

Continua: Amazon lancia il nuovo Kindle: guai in vista per l’iPad?





Lascia una risposta