Fondi speculativi – obiettivi e peculiarita’

hedge-fundI fondi speculativi sono fondi ad alto rischio per l’investitore che hanno l’obiettivo di produrre rendimenti costanti nel tempo, con una bassa correlazione rispetto ai mercati di riferimento, con possibilità di ritorni molto fruttuosi

Una tipica operazione effettuata dagli hedge funds è la vendita allo scoperto, a scopo ribassista; tale operazione infatti non è permessa, di norma, ai fondi comuni canonici di diritto italiano (costituiscono eccezione i fondi che hanno recepito le nuove normative Ucits III).  In Italia sono rappresentati da fondi comuni di investimento speculativi (decr. Min. Tesoro 228/1999) recante norme per la determinazione dei criteri uniformi per i fondi comuni di investimento. Quest’ultimo costituisce uno schema strutturale atipico disciplinato attraverso negozi privatistici, disancorato dalle modalità di partecipazione e dall’oggetto tipico dell’investimento rispetto ai fondi comuni classici. Le Società di gestione del risparmio (SGR) possono istituire fondi speculativi il cui patrimonio è diverso da quello previsto in via prudenziale dalla Banca d’Italia con reg. 20/09/1999.

Le caratteristiche indicate dal detto Decreto sono:

* numero partecipanti inferiore alle 200 unità;
* ammontare minimo non inferiore a 500 mila Euro;
* le quote non possono essere oggetto di sollecitazione.

Il regolamento del fondo deve menzionare la rischiosità e la circostanza che esso viene gestito in deroga ai divieti stabiliti dalla Banca d’Italia e dalla CONSOB. Nel regolamento del fondo sono indicati i beni oggetto dell’investimento e le modalità di partecipazione (conferimenti e ritiro delle quote). In considerazione degli effetti potenziali sulla stabilità delle SGR, i fondi speculativi possono essere istituiti o gestiti solo dalle SGR che hanno ad oggetto esclusivo l’istituzione o la gestione di tali fondi.

Finanza
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica