Fisco: entrate in calo ma bene lotta evasione

Filomena Spisso
  • Autore - Laurea in scienze politiche

 Fisco: entrate in calo ma bene lotta evasione
A gennaio e febbraio entrate in calo ma boom del gettito derivante dalla lotta all’evasione. È quanto reso noto dal ministero dell’Economia e delle Finanze.

Entrando in dettaglio, nel primo bimestre 2015 le entrate tributarie erariali sono risultate pari a 61.023 milioni di euro, in flessione dello 0,8 per cento (-484 milioni di euro).

Per quanto riguarda invece il gettito derivante dall’attività di accertamento e di controllo nella lotta contro l’evasione, si è registrata una crescita del 32,6 per cento, con un incremento di 727 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio.

Occorre comunque sottolineare che i primi mesi dell’anno non sono particolarmente rilevanti per valutare correttamente l’andamento delle entrate tributarie, in mancanza di importanti scadenze nel periodo.

Le imposte dirette hanno registrato introiti in crescita dell’1,9 per cento a 37.196 milioni di euro (+678 milioni di euro) rispetto al primo bimestre del 2014.

L’Irpef è risultata in calo dello 0,1 per cento (-36 milioni di euro) mentre l’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze è cresciuta del 61,7 per cento (+500 milioni di euro).

Le imposte indirette hanno registrato un gettito di 23.827 milioni di euro, con una contrazione del 4,7 per cento (-1.162 milioni di euro) rispetto ai primi due mesi dello scorso esercizio.

Il gettito Iva è diminuito del 5,6 per cento, con minori introiti per 705 milioni di euro.