Fisco boom tasse locali

 Fisco boom tasse locali

Boom di tasse locali dal 2013 al 2015 pari a sette miliardi di euro. È quanto emerso dal rapporto del Servizio Politiche Territoriali della Uil.

Addizionali imposte

Secondo l’indagine compiuta dalla Uil, una famiglia monoreddito per 24 mila euro, una casa di 80 metri quadrati e una seconda casa o un magazzino, ha sborsato 308 euro in più, per un ammontare totale di 1.969 euro di tasse locali.

Per quanto riguarda l’Imu e la Tasi su immobili differenti dalla prima casa, sono stati pagati in media 937 euro, con un incremento di 72 euro in 2 anni, con un aumento del’8,4 per cento. Per la Tasi sulla prima casa l’esborso mediamente è stato pari a 191 euro pro capite.

In crescita anche l’Irpef Regionale dell’11,8 per cento, l’Irpef Comunale dell’11,7 per cento, la Tari del 7,3 per cento.

Tasse classifica città italiane

Dal punto di vista territoriale, Roma è in testa: tra Imu, Tasi, Tari, Irpef regionale e comunale è stato registrato un esborso medio nel 2015 di 2.726 euro pro capite.

In seconda posizione la città di Napoli con 2.576 euro e sul gradino più basso del podio Torino con 2.458 euro.

A seguire troviamo Milano con  2.422 euro, Benevento con 2.307 euro, Bologna con 2.279 euro,  Genova con 2.209 euro e Salerno con 2.130 euro.

Nel 2016 si attendono alcuni limitati benefici derivanti, in particolare, dalla eliminazione delle tasse sulla prima casa.