Ferrero salva la Parmalat dai francesi

Filomena Spisso
  • Autore - Laurea in scienze politiche

parmalatIl possibile intervento di una cordata italiana, guidata dalla Ferrero, potrebbe strappare dal controllo francese una delle aziende italiane più redditizie e famose a livello mondiale, la Parmalat.

Dopo il brutto colpo subito diversi anni fa ormai, la società produttrice di latticini e prodotti alimentari, esportati in tutto il mondo, si è ripresa alla grande con una perfetta strategia di rilancio e ottimizazzione delle risorse.

Per questo Lactalis, società francese che opera all’incirca nello stesso settore della Parmalat, ha intenzione, ormai dichiarata, di acquisire il gruppo italiano, che gestisce anche marchi come Invernizzi e Galbani, leader di mercato nei rispettivi settori.

Ciò che avrebbe convinto un grande gruppo a livello mondiale, leader italiano per fatturato nelle esportazioni all’estero come Ferrero, sarebbe il bilancio positivo segnato dalla Parmalat, in attivo di 4 miliardi di euro, che aggiunti agli oltre 6 miliardi della Ferrero, darebbe al gruppo, sicuramente una scossa importante.

Da non trascurare assolutamente la possibilità di partnership tra le due aziende, che operando nello stesso settore e utilizzando come materia prima il latte, potrebbero pensare ad un piano per ottimizzare le risorse a disposizione e sicuramente, inserire nuovi prodotti sul mercato, firmati da entrambi i marchi.

Prospettiva molto allettante, vista la fedeltà da parte degli utenti dimostrata nei confronti di entrambe le case produttrici, che da parte loro offrono qualità e sicurezza, oltre ad un prezzo competitivo sul mercato, se comparato alla qualità dei prodotti.

Resta da capire se le indiscrezioni, si tradurranno in realtà oppure se il guppo Parmalat finirà nelle mani della società francese.