Fallite 75 mila imprese dal 2009

 Fallite 75 mila imprese dal 2009

Nel periodo compreso tra il 2009 e il 2014 sono fallite 75.175 imprese. Si tratta di uno dei valori più elevati tra i Paesi dell’area Ocse. È quanto emerso nell’ultimo rapporto del Centro studi Impresa Lavoro.

Nel dettaglio, sulla base dei dati Ocse, gli analisti hanno messo in risalto come i fallimenti di aziende in Italia siano aumentati del 66,3 per cento rispetto al 2009, da quota 9.383 ai 15.605 rilevati nel 2014.

Impresa Lavoro ha inoltre sottolineato come in altri paesi il numero dei fallimenti è invece diminuito nel corso del 2014 rispetto ai 6 anni precedenti. Negli Usa tale valore è sceso del 55,1 per cento rispetto al 2009, nel Regno Unito in flessione del 23,4 per cento e in Germania del 20,5 per cento.

L’Italia risulta quindi essere abbondantemente al di sopra dei quanto rilevato prima dell’inizio della crisi, anche se proprio da quest’anno dovrebbe finalmente essere invertita la tendenza.

Nei primi due trimestri del 2015 infatti si attende una frenata del numero di fallimenti, con una stima degli analisti di Impresa Lavoro che prevede una riduzione di 1.300 procedure rispetto al 2014, praticamente in linea con i valori registrati nel 2013.

Borsa
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica