Fallimenti imprese in calo nel 2015

 Fallimenti imprese in calo

Il Cerved registra il primo calo dei fallimenti in Italia a distanza di 3 anni. Il numero delle imprese costrette a chiudere, per la prima volta in 3 anni, registra finalmente una flessione. È quanto diffuso dal Cerved che ha pubblicato il dato relativo ai fallimenti trimestrali.

Nei primi tre mesi dell’anno i fallimenti sono infatti diminuiti del 2,8 per cento rispetto all’analogo periodo dello scorso esercizio. In calo del 21,2 per cento le procedure non fallimentari. Complessivamente sono comunque 21 mila le imprese che hanno abbassato le saracinesche, con una flessione del 3,5 per cento.

Tra le diverse forme di imprese, le società di persone  sono quelle ad aver registrato un calo più marcato dei fallimenti, con una diminuzione del 12,9 per cento rispetto ai primi tre mesi dello scorso anno.

Per quanto riguarda i singoli settori, risultati incorraggianti provenienti dall’industria, con 560 procedure aperte da imprese manifatturiere, con una riduzione del 15,3 per cento, ma soprattuttto dalla fabbricazione di mezzi di trasporto (-36,1 per cento) e della metallurgia (-30,2 per cento).

In diminuzione del 2,5 per cento anche il numero di fallimenti nel comparto delle costruzioni.

L’amministratore delegato del Cerved, Gianandrea De Bernardis, commentando i dati ha evidenziato il fatto positivo della chiusura di meno imprese, con quelle rimaste sul mercato ‘riuscire a pagare prima i fornitori‘.

Finanza
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica