Enel fatturato 2011


utile enel

Enel ha archiviato il 2011 registrando un utile netto di 4,148 miliardi di euro, in flessione rispetto ai 4,390 miliardi del 2010.

Tramite una nota diffusa dalla società, si evidenzia che il consiglio di amministrazione proporrà all’assemblea degli azionisti un dividendo di 0,26 euro per azione, in calo rispetto ai 0,28 euro del 2010. Il pagamento della cedola è fissato per il 21 giugno.

E’ stato inoltre approvato l’aggiornamento del piano industriale al 2016, stimando il ribasso dei principali obiettivi e una più “attenta” politica dei dividendi, che scenderanno dall’attuale 60% al 40% dell’utile netto ordinario del Gruppo.

L’Ebitda è stato stimato a 16,5 miliardi di euro nel 2012, 17,0 miliardi nel 2014 e 19,0 miliardi nel 2016: da osservare che nel precedente piano industriale era previsto a 20 miliardi già nel 2015.

Per quanto riguarda l’utile netto ordinario del gruppo, nel 2012 viene stimato a 3,4 miliardi di euro, 3,8 miliardi nel 2014 e 5,0 miliardi nel 2016.

Si punta anche ad abbassare l’indebitamento finanziario netto, che dovrebbe scendere dai 43 miliardi di euro stimati nel 2012 ai 39 miliardi nel 2014, in modo da permettere di giungere ad un livello di 30 miliardi nel 2016.

Gli investimenti del periodo considerato saranno pari a circa 27 miliardi di euro.

Da evidenziare inoltre che nel 2011 Enel ha raggiunto e superato l’obiettivo di Ebitda prefissato, arrivando a toccare i 17,717 miliardi rispetto ad una previsione di 17,4 miliardi.

Continua: Enel utile bilancio 2013





Lascia una risposta