Debito pubblico torna a salire a gennaio


 Debito pubblico torna a salire a gennaio

Il debito pubblico italiano torna a salire a gennaio 2016. È quanto emerge dal supplemento al Bollettino statistico di Bankitalia. Nel primo mese dell’anno, il debito delle Amministrazioni pubbliche è cresciuto di 21,6 miliardi di euro a quota 2.191,5 miliardi di euro.

Debito pubblico Italia

Nel precedente mese di dicembre il debito pubblico era risultato pari a 2.169 miliardi di euro mentre nel gennaio del 2015 a quota 2.167 miliardi di euro.

La crescita del debito è dovuto all’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro compensato soltanto in parte dall’avanzo registrato delle Amministrazioni pubbliche, dalla emissione di titoli sopra la pari e dalla rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione. È quanto sottolineato dagli economisti di Via Nazionale.

Per quanto riguarda i singoli settori, il debito delle Amministrazioni centrali è cresciuto di 21,5 miliardi di euro, quello delle Amministrazioni locali è sceso di 0,3 miliardi di euro e quello degli Enti di previdenza è salito di 0,5 miliardi di euro.

Entrate tributarie

Le entrate tributarie a gennaio sono risultate in crescita a 34,2 miliardi di euro rispetto all’analogo mese del 2015.

Con riferimento all’andamento delle entrate nel 2015, il Ministero dell’Economia conferma la crescita dell’1,6 per cento a quota 10.545 milioni di euro rispetto al 2014. In particolare si registrano significativi aumenti per le entrate tributarie e contributive.

Continua: Debito pubblico 2015 in crescita





Lascia una risposta