Crollo del 30% dei mutui chiesti dai giovani

crollo-mutuiBankitalia ha reso noto che il numero dei prestiti per l’acquisto dell’abitazione da parte di soggetti con meno di 35 anni, è diminuito di oltre il 30% rispetto al quadriennio 2004-2007.

Entrando ne dettaglio si evidenzia che dal 2008 al 2011 il numero dei nuovi mutui concessi si è contratto in media del 9,1% ogni anno, rispetto alla crescita media dell’8,5% registrata nei tre anni precedenti.

E’ stato rilevato che dal 2004 al 2007 il numero medio di contratti stipulati annualmente era stato pari a circa 266.000, rispetto al -22% pari a 208.000 contratti, registrato nel periodo successivo.

Lo studio ha evidenziato che anche l’importo complessivo delle nuove erogazioni ha registrato una riduzione.

La diminuzione nella richiesta di mutui è dovuta soprattutto alla debolezza del mercato immobiliare ed alla difficile situazione economica, con un elevato tasso di disoccupazione, oltre che alla riduzione dei redditi delle famiglie italiane.

Ovviamente è stata rilevata anche una “stretta” da parte degli istituti di credito, un irrigidimento che ha influito pesantemente sul numero delle erogazioni concesse.

Da sottolineare invece che sono cresciuti del 2% i contratti stipulati dai soggetti con i redditi più elevati, ovvero relativi a richieste di mutuo di importo superiore ai 150 mila euro.

 

Borsa
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica