Crollo consumi e redditi ai livelli del 1986

crisi-consumi-redditiI consumi tornano indietro di 15 anni ed il reddito disponibile reale è invece ai livelli del 1986.

Questi i dati diffusi da Rete Imprese Italia, l’organizzazione che comprende le associazioni di commercianti e artigiani, e che mette in evidenza ancor di più la forte crisi che ha colpito il nostro paese.

Dopo che nel 2012 si è registrato un -4,4% dei consumi reali procapite, Rete Imprese Italia prevede ancora un calo dell’1,4% nel corso del 2013, in pratica ritornando ai valori di 15 anni fa, ovvero 15.695 euro rispetto i 15.753 del 1998.

Per quanto riguarda il reddito disponibile reale pro capite, Rete Imprese Italia rileva che nel 2012 è diminuito a 17.337 euro rispetto i 18.216 euro del 2011, con un calo del 4,8%.

Ma a tal proposito le previsioni per l’anno in corso non sono delle migliori, in quanto si stima nel 2013 una ulteriore flessione a 16.955 euro.

Ed è proprio questa previsione che secondo Mariano Bella di Rete Imprese Italia, comporta un lungo salto indietro nel tempo, esattamente all’anno 1986.

Nel frattempo giungono cattive notizie anche dal fronte delle imprese: cresce a quota 100mila il numero delle aziende che hanno abbassato la saracinesca nel 2012 rispetto all’anno precedente.

Borsa
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica