Come aprire partita iva: consigli


aprire partita iva consigli e guida

Se decidete di mettervi in proprio, sia in forma individuale o societaria, oppure se svolgete alcune tipologie di professioni (avvocato, medico, architetto e via di seguito) la prima operazione da compiere è l’apertura della partita Iva.

Il modo più semplice per aprire una partita Iva è quello di andare all’Ufficio delle entrate di competenza, compilare un apposito modello e provvedere a consegnarlo allo sportello.

La presentazione dei moduli può anche essere fatta mediante raccomandata oppure, senza dubbio la più rapida, per via telematica attraverso il sito dell’Agenzia dell’Entrate.

Da osservare che i moduli da compilare si differenziano in base alla natura giuridica scelta, ovvero:

  • modello AA9/11 per svolgere le attività individuali;
  • modello AA7/10 per esercitare l’attività in forma societaria.

Occorre non dimenticare che l’apertura della Partita Iva deve avvenire entro e non oltre 30 giorni dal giorno d’inizio dell’attività individuale o della creazione della società di persone.

Ciascun titolare di partita Iva dovrà scegliere il regime contabile di appartenenza e nel caso l’intestatario non ha mai svolto un’attività in proprio oppure prevede un fatturato modesto, sono previsti regimi agevolati, come ad esempio il regime dei minimi, regime delle nuove attività d’impresa e così via.

Nel caso procedete ad aprire la partita Iva come collaboratore è prevista l’iscrizione alla Gestione Separata Inps.

Per quanto riguarda i costi, aprire la partita Iva non comporta il sostenimento di spese iniziali, tuttavia sono previsti dei costi di gestione e dopo l’apertura, ovviamente, si dovranno incominciare a pagare le tasse.

Continua: Come chiudere la partita Iva





Lascia una risposta