Cina primo consumatore al mondo di vino rosso

Filomena Spisso
  • Autore - Laurea in scienze politiche

Cina primo consumatore al mondo di vino rosso

La Cina diventa il primo consumatore al mondo di vino rosso, d’altronde la differenza di popolazione non è paragonabile ai suoi antagonisti europei.

Primi i cinesi con 155 milioni di casse da 9 litri di vino, seguiti dai francesi con 151 milioni di casse, dagli italiani con 141, dagli americani con 134 e dai tedeschi con 112.

Questi sono i dati diffusi da Vinexpo, che ha rilevato che dal 2008 al 2012 si è registrata una crescita mondiale del consumo di vino rosso superiore al 3 per cento.

Le stime per i prossimi 4 anni sono per una ulteriore incremento di circa il 5 per cento.

Una crescita record dei consumi di vino rosso da parte del gigante asiatico, pari al 136 per cento rispetto al 2008, mentre nell’analogo intervallo temporale si è registrato un calo del 18 per cento in Francia e del 5,8 per cento in Italia.

Notizie senz’altro positive per paesi come Italia e Francia che esportano il proprio vino in tutto il mondo, per una crescita proprio a partire dalla Cina, mercato in realtà ancora non molto “battuto” dalle imprese italiane.

Sono stati infatti diffusi dati che mostrano la “latitanza” delle nostre imprese sul mercato cinese: su 100 bottiglie di vino importate, 55 provengono dalla Francia e soltanto 6 del nostro Paese.