Beni di consumo: Samsung prima al mondo

Filomena Spisso
  • Autore - Laurea in scienze politiche

samsung

Nel mondo è l’elettronica a dominare i beni di consumo, mentre nel nostro paese davanti a tutti troviamo sempre il settore alimentare. È quanto risulta da uno studio compiuto da “Global powers of consumers products 2014” di Deloitte Touche Tohmatsu.

Davanti a tutti il colosso sud-coreano della Samsung. Per il sesto anno consecutivo è il numero uno mondiale nel comparto dei beni di consumo, grazie ad un fatturato di 178 miliardi di dollari nel 2013 ed una crescita del 22 per cento.

Subito dopo si piazza la sua più agguerrita concorrente, la Apple con 156,5 miliardi di dollari (+44,6%).

Sul gradino più basso del podio troviamo Nestlè con 98,3 miliardi, (+10%) che supera Panasonic, quarta, che registra un fatturato di 88,3 miliardi di dollari, in flessione del 6,9%.

Nella top ten Procter and Gamble, Sony, Unilever, Pepsi, Cocacola e Lg Electronics.

Nella top 250 sono sei i gruppi italiani. La prima è Ferrero, 84esima, con oltre 10 miliardi di dollari  di fatturato (+8%), in rialzo di due posizioni rispetto allo scorso anno.

A seguire Luxottica, 92esima con 9,1 miliardi (+13,9%), e Pirelli con 7,8 miliardi (+7,4%) al 101esimo posto.

Barilla è 152esima  con 5,06 miliardi (+0,6%), Indesit è 204esima con 3,7 miliardi (+2,1%) e Perfetti è 235esima con 3,2 miliardi (+5%).